I rimborsi degli abbonamenti Atac per i clienti che non ne hanno potuto usufruire durante il lockdown per l'emergenza coronavirus consisteranno nel prolungamento del servizio pagato per il periodo riconosciuto dalle norme, tramite il rilascio di un voucher. Atac ha reso nota la modalità in cui sarà possibile richiedere il rimborso degli abbonamenti per i mezzi pubblici, che hanno a capo l'azienda che gestisce il trasporto capitolino, quindi metro, tram, autobus e ferrovie da lei gestite. Il via è arrivato dopo l'approvazione da parte della Regione Lazio. "Entro pochi giorni il processo sarà definito e le richieste potranno essere presentate tramite la piattaforma che sarà resa disponibile sul sito – si legge in una nota – Vi preghiamo di non inviare richieste di rimborso o altra documentazione e di attendere che la corretta modulistica venga messa a vostra disposizione on line".

Istruzioni su come richiedere il rimborso degli abbonamenti Atac

Per richiedere il rimborso degli abbonanenti Atac l'azienda ha già predisposto un sito specifico, rimborsimetrebuscovid.atac.roma.it, al momento non ancora attivo, ma che sarà disponibile nei prossimi giorni, dove gli utenti troveranno le indicazioni e le informazioni utili. Sarà possibile inoltrare la richiesta a partire dalle ore 11 di lunedì 10 agosto, mentre il termine fissato è in data mercoledì 30 settembre. Per richiedere il rimborso è necessario registrarsi nell'area personale ‘MyAtac'. Atac specifica che: "Si può chiedere il rimborso per tutti gli abbonamenti mensili e annuali Metrebus Roma e Lazio a zone su supporto elettronico, gli abbonamenti mensili Lazio e zone su supporto cartaceo, gli abbonamenti Giovani e Studenti Metrebus Lazio; gli abbonamenti mensili Metrebus Roma dematerializzati acquistati attraverso le app aderenti al servizio B+, e gli abbonamenti mensili Metrebus Roma acquistati tramite tap&go".