Momenti di paura per una madre e suo figlio, che sono stati immobilizzati in casa dopo che dei malviventi hanno fatto irruzione all'interno di una villa sulla Prenestina e messo a segno una rapina. I fatti risalgono alla notte di lunedì 16 novembre e sono avvenuti all'interno di un'abitazione di via Castelsardo, nei pressi della località Colle del Sole. Secondo quanto riportato da Il Messaggero, i banditi, dall'accento romano, si sono fatti strada all'interno della villa, entrando con il capo coperto da un cappuccio e armati di pistola, mentre la donna e suo figlio di diciotto anni erano soli in casa. I banditi li hanno immobilizzati, legandoli con una corda e hanno puntato la pistola alla testa della proprietaria di casa, minacciandola che se non avesse confessato loro dove si trovassero denaro e oggetti di valore, li avrebbero uccisi. La donna ha spiegato dove nascondeva i preziosi e i rapinatori sono riusciti a trovarli e a portarseli via. Si tratta di orologi di valore, per una cifra stimata che ammonta a 60mila euro.

Rapinatori rubano orologi da 60mila euro e un'auto

Dopo aver rovistato all'interno della villa, una volta trovato ciò che cercavano, i rapinatori si sono dati alla fuga, scappando con il costoso bottino. Per la fuga si sono serviti dell'auto della proprietaria di casa, che è stata rinvenuta poi a poco distante dalla villa, abbandonata in un campo. La macchina è stata bruciata, dopo essere stata cosparsa di liquido infiammabile, probabilmente benzina, ciò ha richiesto l'intervento dei vigili del fuoco del Comando provinciale di Roma, che hanno domato le fiamme in poco tempo. Dopo l'accaduto e ancora sotto choc, la donna è riuscita a liberarsi e ha contattato il Numero Unico delle Emergenze 112, per chiedere l'intervento delle forze dell'ordine. Presenti gli agenti della Polizia di Stato e la Scientifica, che hanno svolto un sopralluogo all'interno dell'abitazione e ascoltato la proprietaria di casa, per ricostruire la dinamica dell'accaduto e raccogliere informazioni utili per risalire ai responsabili.