59 CONDIVISIONI

Processo per truffa prosegue per due anni, ma l’imputato è morto: in tribunale non lo sapeva nessuno

Lo hanno scoperto per caso, dopo due anni di udienze: affidato ad avvocati di ufficio che cambiavano ad ogni appuntamento in aula, il giudice ha dichiarato estinto il reato.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Roma Fanpage.it
A cura di Beatrice Tominic
59 CONDIVISIONI
Immagine

Tutto è iniziato al termine della relazione fra l'imputato, M.R., quarantacinquenne di Valmontone con diversi precedenti alle spalle e una sessantaduenne di Alatri. Accusato di truffa e circonvenzione di incapace nei confronti della donna, per l'uomo è scattato il processo. La famiglia della sessantaduenne si è costituita parte civile, a lui è stato affidato un legale d'ufficio che, però, cambiava ad ogni udienza. E mentre l'avvocato cambiava, il quarantacinquenne, residente in un convento di Valmontone, si era reso irreperibile. Così irreperibile che, due anni dopo, si è scoperto essere deceduto nel frattempo.

La relazione e la truffa alla compagna

I due si sono sconosciuti nel 2018, a bordo di un treno: dopo essersi scambiati i numeri di telefono, hanno iniziato a frequentarsi. Lei, con qualche problema psichiatrico, come spiegato da il Corriere della Sera, gli ha rivelato di vivere in condizioni economiche agiate. Lui, dopo un po', di essersi innamorato di lei. E l'ha convinta ad aprire un conto corrente bancario cointestato. È da quel momento che l'uomo ha iniziato a prelevare soldi, dalle somme più piccole a 16mila euro. Gli estratti conto sono arrivati, però, a casa della donna che viveva con la figlia: è stata proprio lei ad accorgersi della truffa e a sporgere denuncia nei confronti dell'uomo per truffa e circonvenzione d’incapace.

Il processo e la scoperta della morte dell'imputato

Il processo è proseguito, udienza dopo udienza, nel 2022 e nel 2023. Nel tribunale di Velletri, mentre si cercava di chiarire il ruolo dell'imputato, nessuno ha pensato di mettersi alla ricerca dell'uomo, neppure i suoi avvocati di ufficio, che cambiavano di volta in volta. Nel corso dell'udienza del 16 novembre, però, è stata la direttrice della banca di Valmontone, dove i due avevano aperto il conto cointestato, a rivelare di aver scoperto per caso della morte dell'uomo. Sono rimasti tutti a bocca aperta. Ma i carabinieri, chiamati ad accertare quanto rivelato, non hanno potuto fare altro che confermare il decesso dell'uomo, morto nel luglio del 2021. A quel punto il giudice è stato costretto a dichiarare estinto il reato, dopo due anni di udienze.

59 CONDIVISIONI
Trovato morto nel bosco, il suo sangue su due cani: proprietario a processo per non averli custoditi
Trovato morto nel bosco, il suo sangue su due cani: proprietario a processo per non averli custoditi
Morsi di topi e sigarette sul corpo: a processo la madre che aveva abbandonato i figli di 6 e 8 anni
Morsi di topi e sigarette sul corpo: a processo la madre che aveva abbandonato i figli di 6 e 8 anni
"Offerta per Desyrée e le vittime", ma la famiglia avverte: "È una truffa non ci serve nessun aiuto"
"Offerta per Desyrée e le vittime", ma la famiglia avverte: "È una truffa non ci serve nessun aiuto"
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views