101 CONDIVISIONI
Peste suina a Roma, le ultime notizie
14 Giugno 2022
15:50

Peste suina africana, approvato il ‘Piano cinghiali’. D’Amato: “Raddoppieremo gli abbattimenti”

Approvato in Regione Lazio il Piano per il contenimento dei cinghiali. L’assessore alla Sanità Alessio D’Amato ha dichiarato che la popolazione sarà ‘drasticamente abbattuta’.
A cura di Natascia Grbic
101 CONDIVISIONI
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Peste suina a Roma, le ultime notizie

"È stato approvato nell’odierna giunta il Piano per il contenimento dei cinghiali attraverso procedure di abbattimenti selettivi. L’obiettivo è quello di raddoppiare complessivamente la consistenza numerica degli abbattimenti previsti nella stagione 2021/22 riducendo drasticamente la presenza dei cinghiali stimata in circa 75mila esemplari in tutto il Lazio con aree a maggiore densità che sono riferibili alle aree di Roma, di Viterbo e Rieti". Lo ha dichiarato l'assessore regionale alla Sanità Alessio D'Amato spiegando che "Il piano ha una validità triennale e ogni anno sarà predisposto un report di sintesi. Nel contempo devono partire anche le attività di cattura all’interno delle aree perimetrate per la peste suina. Il Piano sarà pubblicato sul Bollettino ufficiale della Regione Lazio. La riduzione del numero dei cinghiali è un tema di salute pubblica, di sicurezza nella catena alimentare, di decoro urbano e di sicurezza nella mobilità”.

Piano contenimento dei cinghiali: la protesta delle associazioni animaliste

Secondo quanto annunciato dal commissario Angelo Ferrari, gli abbattimenti dovrebbero cominciare il 17 giugno. Un piano, quello approvato dalla Regione Lazio, che suscita l'opposizione delle associazioni animaliste, contrarie agli abbattimenti. "Un parere degli esperti dall’Autorità europea per la sicurezza alimentare (Efsa) afferma: ‘la caccia non è uno strumento efficace per ridurre le dimensioni della popolazione di cinghiali selvatici in Europa‘ – spiega l’Organizzazione internazionale protezione animali (Oipa) – Inoltre l’Ispra nelle sue indicazioni afferma che è importante sospendere qualsiasi tipo di attività venatoria nella zona infetta da Peste suina africana poiché si tratta di ‘attività che comportano un duplice rischio: la movimentazione di cinghiali potenzialmente infetti sul territorio e la diffusione involontaria del virus attraverso calzature, indumenti, attrezzature e veicoli'". Rita Corboli, delegata Oipa di Roma, sostiene che la peste suina africana deve essere combattuta con altri mezzi, come la raccolta rifiuti porta a porta. "I cinghiali non entrano nell’abitato nelle zone dove funziona la raccolta a domicilio", spiega.

101 CONDIVISIONI
18 contenuti su questa storia
Peste suina, Tar conferma abbattimento dei 140 animali della Sfattoria: potranno tenere solo 2 maiali
Peste suina, Tar conferma abbattimento dei 140 animali della Sfattoria: potranno tenere solo 2 maiali
Peste suina, i 120 animali salvati dalla Sfattoria saranno abbattuti: arrivata la conferma dalla Asl
Peste suina, i 120 animali salvati dalla Sfattoria saranno abbattuti: arrivata la conferma dalla Asl
Peste suina, come prosegue l'abbattimento dei cinghiali nel Lazio: catturati più di 550 esemplari
Peste suina, come prosegue l'abbattimento dei cinghiali nel Lazio: catturati più di 550 esemplari
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni