La morte dell'ultras Fabrizio Piscitelli a Roma
14 Gennaio 2022
18:46

Omicidio Torvajanica: confermato il carcere per Calderon e Bennato

Raul Esteban Calderon ed Enrico Bennato resteranno in carcere per l’omicidio di Shehaj Selavdi a Torvajanica. Questa la decisione del Tribunale del Riesame.
A cura di Alessia Rabbai
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
La morte dell'ultras Fabrizio Piscitelli a Roma

Il Tribunale del Riesame di Roma ha confermato la custodia cautelare in carcere per Raul Esteban Calderon ed Enrico Bennato, per l'omicidio di Torvajanica in cui ad essere ucciso il 20 settembre del 2020 è stato Shehaj Selavdi, detto Simone. Come accaduto per l'omicidio di Diabolik, entrambi i delitti sono riconducibili allo spaccio di droga. Il trentonnenne pregiudicato albanese la mattina di domenica 19 settembre è rimasto vittima di un agguato all'esterno dello stabilimento balneare ‘Bora Bora', presumibilmente un regolamento di conti. Raggiunto da due colpi di pistola alla schiena mentre era in spiaggia, è morto a distanza di tre giorni all'ospedale San Camillo di Roma, dove si trovava ricoverato con la spina dorsale lesionata, dopo il trasporto in volo con l'eliambulanza.

Attesa la decisione per l'omicidio di Diabolik

Come riporta Il Messaggero è atteso inoltre che il Tribunale del Riesame si esprima sulla custodia custodia cautelare in carcere nei confronti all'omicidio del leader degli Irriducibili Fabrizio Piscitelli detto Diabolik. Nei confronti di Calderon l'accusa è quella di omicidio aggravato dal metodo mafioso, per la morte dell'ultras della Lazio freddato con un colpo di pistola sparato alla nuca il 7 agosto del 2019 nel Parco degli Acquedotti a Roma.

Un video ha incastrato il killer di Diabolik

Ad incastrarlo sono state le immagini riprese dalle telecamere di videosorveglianza presenti in zona, che ne hanno immortalato la fuga e alcuni segni caratteristici, come il tatuaggio sul polpaccio coperto da una fasciatura e una bandana che copriva la stempiatura, permettendo agli inquirenti di risalire alla sua identità. Dalle carte è emerso appunto come si tratterebbe della stessa persona che ha ucciso Selavdi, delitto per il quale a finire in carcere è stato anche Bennato. L'arresto è scattato a seguito delle indagini condotte dai carabinieri di Frascati coordinati dalla Dda di Roma.

Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni