(La Presse)
in foto: (La Presse)

Dalle ore 14 di martedì 20 ottobre sarà possibile prenotare online l'esecuzione di un tampone presso una delle postazioni drive-in che sperimenteranno il servizio nel Lazio. Le prime fasce orarie disponibili saranno per la mattina di mercoledì 21 ottobre. Questi i drive-in per i quali è possibile usufruire della prenotazione online: Santa Maria della Pietà, Asl Roma 1, in via Eugenio Mattei 72, il Centro Carni di via Palmiro Togliatti 1200 e l'Irccs Santa Lucia in via Ardeatina 354 nel territorio della Asl Roma 2, la postazione dell'ex Forlanini in piazza Carlo Forlanini nella Asl Roma 3.

Per prenotare il tampone sarà attivato il sito https://prenota-drive.regione.lazio.it/main/home. Attenzione: il sito sarà attivo solo a partire dal pomeriggio del 20 ottobre. "In caso di esaurimento dei posti disponibili nei drive in nella data prescelta è sempre possibile rivolgersi alle altre postazioni della rete regionale in libero accesso", ricorda la Regione Lazio. Per la prenotazione è necessario avere con sé la ricetta dematerializzata e la tessera sanitaria. La sperimentazione avrà la durata di una settimana (poi, se avrà successo, verrà probabilmente prolungata).

I drive-in dove si può prenotare online un tampone

ASL ROMA 1
• Santa Maria della Pietà – Padiglione 90 – Via Eugenio
De Mattei, 72 – Roma
ASL ROMA 2
• Centro Carni Palmiro Togliatti – Viale Palmiro
Togliatti, 1200 – Roma
• IRCCS Santa Lucia – Via Ardeatina, 354 – Roma
ASL ROMA 3
• Ex Presidio Forlanini – Piazza Carlo Forlanini – Roma

D'Amato: "Abbiamo ancora un mesetto di margine"

"Noi andiamo un po' meglio e abbiamo ancora un mesetto di margine. Ma per il resto occorre dire la verità: a livello nazionale abbiamo due settimane di tempo per piegare la curva, e se entro due settimane la curva non si piegherà sarà inevitabile dover prendere soluzioni drastiche: e' ovvio che non si può fare un dpcm ogni settimana", ha spiegato in un'intervista al Foglio l'assessore regionale alla Sanità, Alessio D'Amato. "Il Lazio è una delle regioni che ospedalizzano di più per un principio di cautela e di precauzione e difatti siamo una delle regioni che, oltre ad avere il rapporto migliore tra numero di persone testate in correlazione al numero di abitanti, hanno anche il più basso tasso di letalità rispetto a questa malattia: 1,5 per cento. Nel Lazio la situazione oggi è questa: ogni cento persone che entrano ce ne sono circa 40 che escono; allo stato attuale i posti letto occupati per i ricoveri sono pari al 40 per cento del totale, e oltre ai circa 1.000 ricoveri ci sono anche le 700 residenze assistite dedicate ai clinicamente guariti; la regione sta lavorando per raddoppiare queste disponibilità ma se si considera che il tempo di degenza medio, ripeto: medio, di un ricovero per Covid-19 e' di due settimane non ci vuole molto a capire che con questo ritmo la nostra regione ha un mese di autonomia mentre il resto del paese nel complesso ha la metà dell'autonomia che abbiamo noi".