Il sindaci di Ponza e Ventotene Franco Ferraiuolo e Gerardo Santomauro hanno chiesto la tempestiva vaccinazione di massa della popolazione, ma dopo la contrarierà espressa dalla politica, che ha rivendicato il principio di equità tra i cittadini, sono in attesa di vaccinare più persone possibili, per mettere in sicurezza le isole prima dell'arrivo dei visitatori e dell'inizio della stagione estiva. "Si trattava di mostrare buon senso e far fronte a situazioni uguali in modi uguali, ma il quadro è differente: la situazione sanitaria è molto diversa da quella della terraferma" spiega Santomauro. Sul fronte turistico i baneari temono di subire la concorrenza delle isole greche, che potrebbero rivelarsi meta privilegiata dei viaggiatori perché ‘sicure'. Dal punto di vista sanitario ciò che i sindaci isolani vogliono scongiurare è un aumento dei contagi tale da compromettere la stagione balneare. "Ponza d'estate viene letteralmente presa d'assalto dai turisti, passando da 2mila a 20mila persone al giorno – spiega Ferraiuolo – Un'immunizzazione incompleta potrebbe comportare lo svilupparsi di un contagio diffuso del virus, con il rischio di dover chiudere alberghi, stabilimenti e ristoranti. Ci attendiamo un'affluenza come lo scorso anno se non maggiore".

L'appello dei sindaci isolani: "Sbrigatevi a vaccinarci"

Alla richiesta di un'accelerazione della campagna vaccinale, il commissario straordinario ha risposto che le dosi sono previste, per fasce d'età, secondo i criteri individuati dalla Regione Lazio. I sindaci isolani hanno sollecitato Regione ed Asl: "Sbrigatevi a vaccinarci". Ad oggi su Ponza, sono vaccinati tutti gli ottantenni, che hanno terminato l'iter con entrambe le dosi. Oltre a loro a ricevere il vaccino le categorie maggiormente esposte come medici, infermieri, personale sanitario, forze dell'ordine, insegnanti. Ma parliamo di numeri ancora bassi: 240 persone su 2mila. A Vantotene i vaccinati sono circa 170 su 760 abitanti.

La Asl: "A breve vaccinazioni per 70enni e 60enni"

Giorni fa la direttrice generale della Asl di Latina, Silvia Cavalli, ha promesso ai sindaci di Ponza e Ventotene che a breve sulle isole partirà la vaccinazione per i settantenni e ai sessantenni, senza doversi spostare sulla terraferma. "Speriamo che le dosi arrivino già dalla prossima settimana, noi siamo pronti" spiegano i sindaci". Intanto l'attenzione resta alta per un eventuale aumento di presenze con la zona gialla e l'allentamento delle misure del Governo, in vista del ponte del primo maggio e delle prime giornate calde.

"Attendiamo la data d'inizio della stagione balneare"

Sul come si andrà al mare quest'anno sulle isole si attende la data di inzio della data di balneazione, che sergnerà l'inizio della stagione turistica. I dubbi restano per l'orario del coprifuoco e gli assembramenti notturni di giovani. I sindaci sono pronti con apposite ordinanze. L'ipotesi, ma a stabilirlo sarà la Regione, è che le persone dirette sulle isole questa estate prima dell'imbarco dimostrino di essersi vaccinate o di essere negative al Covid, con certificato di tampone negativo. "La società di navigazione si è impegnata dal prossimo mese di maggio di dare la possibilità di acquistare il titolo di viaggio direttamente online, per evitare file e assembramenti e imbarcarsi senza passare per la biglietteria".