Macabro ritrovamento questa mattina alla stazione di Velletri. Poco dopo le 10 è stato rinvenuto il cadavere di un uomo sui binari della stazione e la circolazione è stata quindi interrotta. L'uomo aveva i piedi e parte delle gambe recise, molto probabilmente è morto dissanguato. L'ipotesi è che sia inciampato mentre camminava sui binari e che sia caduto proprio mentre stava passando il treno, che gli ha reciso i piedi. Il capotreno e il macchinista di turno questa mattina non si sarebbero accorti di nulla. Sul posto il medico legale, la squadra scientifica del commissariato di Velletri per le indagini, la polizia ferroviaria e il 118, che ha constatato il decesso dell'uomo. Secondo le prime indagini, si tratterebbe di un tragico incidente dovuto alla caduta accidentale sui binari.

Cadavere sulla Roma-Velletri, senza tetto muore dissanguato

A quanto si apprende, l'uomo sarebbe un senza fissa dimora che vive a Velletri da circa due anni e che era solito camminare vicino i binari della stazione. Secondo una prima ricostruzione della polizia ferroviaria di Ciampino e della scientifica, l'uomo stava camminando lungo i binari della stazione verso Sant'Eurosia Lanuvio quando con tutta probabilità è inciampato e caduto sotto il treno il transito. Il convoglio gli avrebbe reciso i piedi, facendolo morire dissanguato poco dopo. Si tratterebbe quindi di un terribile incidente, non di un gesto volontario. Una volta ritrovato il corpo, i treni sulla Roma Velletri sono stati bloccati, in attesa della fine delle indagini e dello spostamento della salma, che verrà poi messa a disposizione del medico legale.