Coronavirus
12 Luglio 2021
9:53

Il Lazio non prenderà altre dosi del vaccino Astrazeneca

Lo ha annunciato l’assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D’Amato, mentre il governatore Nicola Zingaretti ha spiegato che è stata vaccinata con due dosi il 50% della popolazione adulta. Con il diffondersi della variante Delta per evitare un nuovo aumento dei ricoveri la priorità è sempre convincere gli over 60 che non l’hanno fatto a vaccinarsi.
A cura di Redazione Roma
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

La Regione Lazio non si rifornirà nuovamente del vaccino AstraZeneca una volte terminate le scorte ancora in via di somministrazione. Lo ha comunicato al Generale Figliulo l'assessore alla Sanità della Regione Lazio Alessio D'Amato. "Si punterà eventualmente a vaccinare con Johnson & Johnson ritenuto più versatile", ha dichiarato nel corso di un'intervista al quotidiano la Repubblica. La scelta dopo gli open day e gli anticipi dei richiami e una strategia vaccinale che vede il Lazio unica regione a continuare a somministrare J&J agli under 60.

Variante Delta: la priorità è vaccinare tutti gli over 60

Mentre la variante Delta corre, facendo prevedere un inevitabile aumento dei contagi, la priorità continua a essere vaccinare, vaccinare, vaccinare, per evitare in particolare modo l'aumento dei ricoveri ospedalieri. Per questo si dà la "caccia" agli under 60 che ancora non si sono vaccinati per scelta o timore.

Zingaretti: "Metà popolazione adulta ricevuto entrambe le dosi nel Lazio"

Questa mattina Nicola Zingaretti ha ribadito i successi della campagna nel Lazio, ne corso di un intervento ad Agora su Rai3: "Oggi possiamo dire che nel Lazio la metà dei cittadini in età adulta ha raggiunto le due dosi". "La campagna vaccinale va avanti alla grande – ha aggiunto – con delle novità come i camper che girano nei piccoli paesi per scovare chi, o per dubbio o per pigrizia, ha ritardato la vaccinazione. Andiamo a cercare casa per casa facendo l'offerta della vaccinazione".

La richiesta del Lazio: Green Pass per tutti gli eventi

E dopo le notizie di focolai scoppiati a seguito di feste ed eventi (anche all'aperto), l'assessore alla Sanità del Lazo Alessio D'Amato ha proposto che il Green Pass sia rilasciato solo dopo la somministrazione della seconda dose di vaccino e che sia obbligatorio per partecipare a ogni evento e l'ingesso in locali, stadi e concerti. "Altrimenti che l'abbiamo fatto fare?", si chiede l'assessore che nei giorni scorsi ha chiesto una normativa nazionale in merito al governo visto il previsto aumento dei contagi. Questa mattina il viceministro Pierpaolo Sileri ha confermato le previsioni attese con il diffondersi della variante Delta.

27090 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni