191 CONDIVISIONI
25 Aprile 2022
20:40

Festa della Liberazione, Pd denuncia: “A Ladispoli il sindaco leghista vieta Bella Ciao”

Il Pd: “Non era mai accaduto nella storia della nostra città e pensiamo non sia accaduto in nessun’altra Piazza d’Italia”.
A cura di Enrico Tata
191 CONDIVISIONI

A Ladispoli, litorale a nord di Roma, il sindaco leghista avrebbe vietato di suonare Bella Ciao alla banda comunale durante le celebrazioni del 25 Aprile, festa della Liberazione. Lo denuncia il circolo locale del Partito democratico: "Dopo che sia il Sindaco che il Presidente del Consiglio Comunale avevano parlato riuscendo a non nominare mai le parole Resistenza e Antifascismo, alla Banda Comunale è stato impedito di suonare "Bella Ciao", il canto dei combattenti per la libertà dal nazifascismo, canto diventato famoso ed eseguito in tutto il mondo. Non era mai accaduto nella storia della nostra città e pensiamo non sia accaduto in nessun'altra Piazza d'Italia".

Per gli esponenti del Pd si tratta di "un'offesa ai presenti oggi in piazza ma soprattutto un'offesa alle migliaia di giovani, uomini e donne, morti per la nostra libertà. Una mancanza di rispetto anche nei riguardi del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella che proprio oggi a Acerra ha affermato: "All'invasione dell'Ucraina ho pensato a Bella ciao". Un'altra pagina nera della giunta del sindaco Grando, incapace di rappresentare degnamente le istituzioni democratiche e la Costituzione nate dalla Resistenza".

Il sindaco di Ladispoli, Alessandro Grando, candidato sindaco a capo di una lista civica, ha deciso nel 2019 di aderire alla Lega di Matteo Salvini, che comunque è stato uno dei partiti che faceva parte della coalizione che lo ha fatto eleggere. In merito all'episodio di oggi il quotidiano locale Baraonda News ha pubblicato un video che mostra alcuni cittadini che erano presenti in piazza mentre cantano per protesta ‘Bella Ciao', ‘vietata', come detto alla banda del paese.

La replica del sindaco: "Nessuno ha vietato Bella Ciao"

"Nessuno ha vietato alla banda musicale di suonare Bella Ciao o altri brani. Il Partito Democratico ha perso l’ennesima occasione per non fare una figuraccia. Per calamitare un po' di attenzione durante la campagna elettorale il centrosinistra è costretto ad arrampicarsi sugli specchi, mistificando la realtà. Li invitiamo piuttosto a proporre progetti e idee per migliorare Ladispoli, se ne sono capaci”, è la replica del sindaco Grando.

"Visto che sono state scritte altre inesattezze su questo evento precisiamo anche che nessuno ha impedito all'esponente dell'Anpi di prendere la parola. Anzi, il primo intervento in scaletta era riservato proprio ai rappresentanti dell’Associazione Nazionale Partigiani d’Italia che però, per ragioni a noi sconosciute, sono arrivati in ritardo. Il loro discorso è stato effettuato al termine della manifestazione a conferma che il Comune di Ladispoli non ha censurato nessuno.Invitiamo il Partito democratico ad effettuare una campagna elettorale seria, senza farsi tentare dal sensazionalismo non veritiero che si è trasformato in un clamoroso boomerang politico, visto il maldestro tentativo di fare campagna elettorale il 25 aprile, giorno della celebrazione della libertà e della riunificazione”.

191 CONDIVISIONI
La performance di Roberto Gualtieri: con la chitarra suona Bella Ciao
La performance di Roberto Gualtieri: con la chitarra suona Bella Ciao
3.640 di Fanpage.it Roma
Gualtieri sul no di Pausini a Bella ciao:
Gualtieri sul no di Pausini a Bella ciao: "La canto e suono, è canzone di libertà e giustizia"
Festa di battesimo a Ladispoli finisce nel sangue: 2 uomini presi a sprangate in fin di vita
Festa di battesimo a Ladispoli finisce nel sangue: 2 uomini presi a sprangate in fin di vita
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni