1.269 CONDIVISIONI
27 Novembre 2021
13:26

Famiglie da abusi: il gruppo dove genitori pedofili si scambiavano video delle violenze sui figli

Sgominato il gruppo di genitori pedofili che abusavano dei loro figli condividendo poi in una chat video e foto, oltre che a consigli su come presentare le violenze ai bambini come fossero giochi.
A cura di Redazione Roma
1.269 CONDIVISIONI

Avevano creato una chat Telegram chiamata "Famiglie da Abusi", dove si scambiano foto e video che documentavano le violenze sessuali riguardanti i loro stessi figli minorenni, il racconto di fantasie di violenze sessuali su minori, oltre a i consigli per circuire bambini e adolescenti presentandogli gli atti sessuali come semplici giochi,ad altro materiale pedopornografico.

Da quanto si apprende le vittime delle violenze sessuali hanno tra i 2 e 15 anni. La Polizia Postale ha scoperto però il canale e ha arrestato cinque persone, mentre altre tre sono state denunciate. Arrestato quello che verrebbe definito un "insospettabile" padre di famiglia romano, e un altro uomo residente in provincia di Roma. In carcere è finito anche un dipendente comunale napoletano e un imprenditore residente nel bolognese.

Le indagini che hanno portato all'arresto dei papà pedofili

Mano a mano che gli specialisti delle analisi informatiche raccoglievano prove gli appartenenti al sodalizio venivano arrestati. Prima il pedofilo residente a Roma, poi l'imprenditore di Bologna: "La ricerca di elementi di prova a carico dell’imprenditore ha confermato l’impianto investigativo teorizzato, emergendo la condivisione da parte dell’indagato di un video autoprodotto, che vede il coinvolgimento di un minore appartenente al nucleo familiare. L'inchiesta è infine arrivata a Brescia e Messina, scoprendo altri due genitori pedofili che condividevano materiale che documentava gli abusi messi in atto all'interno del nucleo familiare. È stata denunciata anche una mamma che, al corrente degli abusi tra le mure domestiche, non avrebbe fatto nulla per impedirli.

1.269 CONDIVISIONI
Stupro di gruppo a Capodanno, famiglia minore: "Inaccettabile 13 mesi per arrestare gli aggressori"
Stupro di gruppo a Capodanno, famiglia minore: "Inaccettabile 13 mesi per arrestare gli aggressori"
Stupro Capodanno, ricatto ai genitori: "Se tua figlia parla della violenza, la denunciamo per droga"
Stupro Capodanno, ricatto ai genitori: "Se tua figlia parla della violenza, la denunciamo per droga"
Famiglie compiacenti e giustificazioni: la violenza di Capodanno mostra cos'è la cultura dello stupro
Famiglie compiacenti e giustificazioni: la violenza di Capodanno mostra cos'è la cultura dello stupro
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni