108 CONDIVISIONI
29 Novembre 2021
17:51

Droga dello stupro ai professionisti della ‘Roma bene’, pusher a processo: 800 euro per 100ml

I cinque presunti pusher sono stati rinviati a giudizio con rito immediato. Erano stati arrestati il 21 settembre per lo spaccio di shaboo e GHB.
A cura di Natascia Grbic
108 CONDIVISIONI

Cinque persone sono state rinviate a giudizio dal giudice per le indagini preliminari del Tribunale di Roma relativamente all'inchiesta sul traffico e spaccio di droga dello stupro a Roma. Tre persone erano finite in carcere, mentre per altre due erano state disposti i domiciliari. Il processo comincerà davanti alla corte d'Assise il prossimo 18 gennaio. Gravi, secondo il giudice, gli indizi di colpevolezza a carico degli imputati, che salteranno così l'udienza preliminare e andranno a giudizio immediato. La prima udienza del processo si terrà il prossimo 18 gennaio.

I due gruppi di spaccio, tra shaboo e GHB

Secondo quanto emerso dalle indagini dei carabinieri del Comando provinciale di Roma, il gruppo gestiva lo spaccio di droga dello stupro su Roma, andando sia a servire i quartieri benestanti della città, con clienti come avvocati, medici, un senatore, e vari professionisti ‘insospettabili', ma anche le comunità etniche residenti tra Marconi e Monteverde Nuovo. I primi si rifornivano soprattutto di droga dello stupro, spendendo anche 800 euro per 100ml di stupefacente, mentre i secondi di shaboo, utilizzata soprattutto per reggere pesantissimi carichi di lavoro e non sentire la fatica. Una vera e propria piaga che tra alcune comunità si è diffusa a macchia d'olio.

Le indagini scattate nel 2020: una donna trovata con 20mila euro di shaboo

Lo spaccio di droga era andato avanti anche durante il lockdown, con i corrieri vestiti da rider che rispondevano ai messaggi dei clienti su WhatsApp. Per non farsi intercettare dalle forze dell'ordine usavano parole in codice come ‘Gilda', ‘Mafalda' e acqua. La consegna, di solito, avveniva a domicilio. Le indagini e la relativa inchiesta sono scattati nell'ottobre 2020 in seguito all'arresto di una donna cinese trovata alla stazione Termini con circa 20mila euro di shaboo addosso. Sempre durante l'indagine, una ragazza è stata fermata dai militari davanti a Palazzo Madama, mentre stava effettuando una consegna, stavolta di droga dello stupro.

108 CONDIVISIONI
Stupro di gruppo nella villa di Roma nord a Capodanno: minore forse stordita con droga dello stupro
Stupro di gruppo nella villa di Roma nord a Capodanno: minore forse stordita con droga dello stupro
Una studentessa americana violentata a Roma: droga dello stupro messa nel suo cocktail
Una studentessa americana violentata a Roma: droga dello stupro messa nel suo cocktail
Stupro Capodanno, figlia De Mita: “Droga? Mio nipote non è del Tufello”. Ma il quartiere si ribella
Stupro Capodanno, figlia De Mita: “Droga? Mio nipote non è del Tufello”. Ma il quartiere si ribella
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni