Sono 91 i pazienti positivi al coronavirus ricoverati all'ospedale Spallanzani di Roma. Lo ha comunicato l'Istituto nazionale di malattie infettive nel consueto bollettino giornaliero, specificando che sono nove i pazienti più gravi ricoverati nel reparto di terapia intensiva e che necessitano dei supporti per respirare. "I pazienti dimessi – continua la nota – e trasferiti a domicilio o presso altre strutture territoriali, sono a questa mattina 685". Diminuiscono leggermente i pazienti positivi ricoverati allo Spallanzani, che ieri erano 93 e anche i ricoverati in terapia intensiva, che sono diminuiti di una unità. Al momento sono 5128 le persone affette da coronavirus: un vero e proprio boom di casi registrato nelle ultime settimane, dovuto ai rientri da alcuni paesi esteri e dalla Sardegna.

Via al test rapido nei laboratori privati

Ed è notizia di oggi che ieri si è svolto il tavolo tecnico presso la Direzione regionale Salute, che ha esaminato il documento relativo al test rapido per l’identificazione dell’antigene del virus SARS CoV-2. A breve, comunica la Regione Lazio, sarà emanata una direttiva per ‘rocedere all’abilitazione al test rapido antigenico delle strutture sanitarie private autorizzate all’esercizio per l’attività di diagnostica di laboratorio con settori specializzati per microbiologia virologia e immunologia nel rigoroso rispetto delle procedure di contenimento, del corretto utilizzo dei dpi, e nella garanzia di percorsi separati, sul modello di quanto già accade per i test sierologici". Il metodo sarà quello utilizzato negli aeroporti di Roma, il prezzo deve essere calmierato e fissato a 13,94 euro.