Coronavirus Roma
in foto: Coronavirus Roma

Sono 59 i pazienti ricoverati presso l'Istituto di Malattie Infettive Lazzaro Spallanzani. Tra questi, 48 sono positivi al coronavirus, di cui, 2, più gravi, si trovano ricoverati presso il reparto di terapia intensiva e necessitano di supporto respiratorio. Undici persone, sospettate di aver contratto il virus, sono state sottoposte ai test per la ricerca del Covid-19 e sono in attesa dei risultati degli esami. Questi i dati diramati nel bollettino medico dell'ospedale Lazzaro Spallanzani di oggi, giovedì 30 luglio. Dall'Inmi si apprende sono 551 i pazienti asintomatici o con sintomi lievi dimessi, cifra aggiornata a stamattina, per i quali non è necessario il ricovero ospedaliero. Alcuni hanno fatto ritorno alle proprie abitazioni, dove resteranno fino a completa guarigione, rispettando il regime di isolamento domiciliare e comunque, fino a tamponi negativi. Altri, sono stati trasferiti a strutture del territorio adibite all'osservazione. Rispetto a ieri all'ospedale Spallanzani aumenta di una unità il numero dei ricoveri (erano 58), mentre resta stabile quello dei positivi (erano 48) e dei pazienti che si trovano in terapia intensiva in condizioni più gravi (2).

Nel Lazio ieri 18 contagi, tra cui 6 casi d'importazione

Ieri nel Lazio sono stati 18 i contagi di coronavirus registrati nelle 24 ore precedenti, di cui 6 sono riconducibili a casi d'importazione. Nello specifico, si tratta di due persone provenienti da Capoverde, una dalla Moldavia, una dall'India, una dalla Turchia e una dal Belgio. Un caso è stato individuato grazie al Numero Verde 800.118.800, mentre altri sono emersi in fase di pre ospedalizzazione. Un'altra persona positiva è risultata legata a un focolaio familiare già isolato, per cui è in corso l'indagine epidemiologica. Tutti i casi accertati ieri sono stati riscontrati a Roma, tranne tre casi in provincia, uno a Rieti e due Latina. Nella Asl pontina nella tarda serata di ieri è risultato positivo il tampone di un bagnino in servizio a Sabaudia, contagio accertato per il quale è stata necessaria la chiusura dello stabilimento balneare ‘Il Gabbiano' e avviata indagine epidemiologica.