(La Presse)
in foto: (La Presse)

Come ogni lunedì il numero complessivo dei tamponi elaborati in Italia è più basso rispetto ai giorni precedenti. Questo perché il dato si riferisce ai test effettuati la domenica. Oggi, lunedì 19 dicembre, è il Lazio la regione italiana ad aver processato più tamponi: oltre 17.500, ma solo due giorni fa erano stati più di 28mila, cioè oltre 10mila in più. Al secondo posto la Lombardia con 14mila tamponi, seguono la Campania e la Toscana, le altre regioni ad aver elaborato più di 10mila test. Il rapporto tra tamponi effettuati e numero di positivi nel Lazio è al 5,3 per cento, in crescita rispetto al 3,5 per cento di sabato, ma inferiore al tasso fatto registrare a livello nazionale. Il rapporto tra casi positivi al nuovo coronavirus e tamponi è al 9,4 per cento in Italia, un record. Una settimana fa era del 5,4 per cento. In Lombardia con 1687 i nuovi contagiati su 14.577 tamponi effettuati, la percentuale è pari all'11,5 per cento e in netta crescita rispetto a ieri, quando il rapporto era al 9,6 per cento. In Campania il rapporto tra positivi e casi testati è addirittura pari al 12,5 per cento e nelle Marche è del 14 per cento.

Zingaretti: "Diradate contatti tra persone per un mese"

I numeri del Lazio non devono però far tirare alcun sospiro di sollievo, perché i contagi, soprattutto nelle province, sono in aumento. Oggi il presidente della Regione Lazio, Nicola Zingaretti, ha rivolto un appello a tutti i cittadini invitandoli a "diradare i contatti personali per un mese": "La preghiera che faccio a tutti è che per i prossimi 20/30 giorni bisogna diradare i contatti fra le persone. Per almeno un mese dobbiamo alzare il livello di guardia per abbassare la curva dei contagi. Servono regole e senso di responsabilità. Sta a tutti noi avere atteggiamenti responsabili".