Coronavirus Lazio
in foto: Coronavirus Lazio

Nel Lazio sono stati diagnosticati lunedì 19 ottobre 2020 939 nuovi casi di coronavirus, in diminuzione rispetto ai 1198 nuovi contagi registrati ieri, domenica 18 ottobre (anche se il dato è il risultato dei tamponi effettuati ieri, domenica, cioè il giorno in cui vengono elaborati meno test). I morti sono stati 9, tre in più rispetto ai 6 comunicati domenica. In tutto il Lazio sono stati elaborati 17mila tamponi, meno dei 23mila elaborati domenica e dei 28mila elaborati sabato. I nuovi casi nelle province sono 332 con tre decessi nelle ultime 24 ore. A Roma sono stati registrati 462 contagi, in leggero calo rispetto a domenica.

I casi di coronavirus a Roma e nel Lazio Asl per Asl

Asl Roma 1: sono 168 i casi nelle ultime 24h e si tratta di centocinquantasei casi isolati a domicilio e dodici da ricovero.

Asl Roma 2:  sono 228 i casi e si tratta di sessantanove casi con link familiare o contatto di un caso già noto e centosette i casi individuati su segnalazione del medico di medicina generale.

Asl Roma 3: sono 66 i casi e si tratta di trentasette casi con link familiare o contatto di un caso già noto.

Asl Roma 4: sono 55 i casi e si tratta di sei casi con link familiare o contatto di un caso già noto e sei i casi individuati su segnalazione del medico di medicina generale.

Asl Roma 5: sono 41 i casi e si tratta di casi con link familiare o contatto di un caso già noto.

Asl Roma 6:  sono 49 i casi e si tratta di trentuno casi con link familiare o contatto di un caso già noto.

Asl Latina: sono 81 i nuovi casi e si tratta di casi con link familiari o contatto di un caso già noto. Si registra un decesso.

Asl Frosinone: si registrano 104 nuovi casi.

Asl Viterbo: si registrano 114 nuovi casi e si tratta di trentaquattro casi con link familiare o contatto di un caso già noto e venticinque i casi con link al cluster presso la casa di riposo San Francesco di Farnese dove è in corso l’indagine epidemiologica.

Asl Rieti: si registrano 33 nuovi casi.

D'Amato: "Disponibili a test sierologici in farmacia"

Il presidente di Federmarma Roma, Andrea Cicconetti, ha proposto di poter eseguire i test sierologici rapidi all'interno della rete delle farmacie. Una proposta che ha raccolto il consenso dell'assessore D'Amato: "Siamo assolutamente disponibili e felici che la rete delle farmacie si metta a disposizione della sorveglianza Covid attraverso l'erogazione dei test sierologici. Per quanto ci riguarda, abbiamo già inserito la possibilità di organizzare il servizio di somministrazione vaccinale antinfluenzale e questa ulteriore proposta ci trova assolutamente d'accordo".