65 CONDIVISIONI

Contestata Ursula Von der Leyen a Roma: “L’Unione Europea è complice del genocidio in Palestina”

Studenti contestano Ursula Von der Leyen a Roma. L’auto con la presidente della Commissione Europea passa e gridano: “Vergogna!”
A cura di Beatrice Tominic
65 CONDIVISIONI
L'automobile su cui viaggiava Ursula Von der Leyen a sinistra e i ragazzi e le ragazze in protesta a destra.
L'automobile su cui viaggiava Ursula Von der Leyen a sinistra e i ragazzi e le ragazze in protesta a destra.

Hanno manifestato al passaggio dell'automobile su cui stava viaggiando Ursula Von der Leyen, in visita a Roma in questi giorni. Un gruppo di studenti, delle scuole superiori e dell'università, hanno atteso il passaggio dell'auto. Hanno fatto sentire la loro voce e mostrato dei cartelli: "Vergogna, l'Unione Europea è complice del genocidio in Palestina. Vergogna!", hanno gridato.

Spalle al muro e mani in alto davanti al cordone di poliziotti che li hanno allontanati dalle automobili scure su cui viaggiava la presidente della Commissione Europea. "Questa è l'Unione Europea di Ursula Von der Leyen – grida al megafono una ragazza – Quella che reprime gli studenti. Quella che si schiera con la Palestina. Questa è l'Unione Europea di Giorgia Meloni".

La polizia blocca gli studenti spalle al muro

"State calmi", dice qualche agente. "Noi siamo calmi, abbiamo le mani alzate. Siamo pacifici. E ci state mettendo contro il muro. Questa non è democrazia. Vergogna! – gridano – Non riusciamo a respirare. Vi chiediamo di fare un passo indietro per favore. I ragazzi non respirano e la contestazione è stata fatta. È indecente che resti questo schieramento. Non accettate neanche una contestazione pacifica".

E inizia il coro: "Chiediamo diritti, ci danno polizia. È questa la loro democrazia!". Poco dopo studenti e studentesse di Osa e Cambiare Rotta continuano a farsi sentire: "Abbiamo contestato Ursula Von der Leyen, presidente della Commissione Europea, perché è complice del genocidio del Popolo Palestinese ed è responsabile della guerra in Ucraina e Yemen – spiegano – I nostri luoghi del sapere sono complici con la guerra e non garantiscono emancipazione sociale, vogliamo una nuova formazione in una nuova società. Von der Leyen non si è nemmeno degnata di fermarsi, il dissenso fa paura".

65 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views