7.181 CONDIVISIONI
News sull'omicidio di Rossella Nappini a Roma

Chi era Rossella Nappini, l’infermiera 52enne uccisa a coltellate a Roma

Separata con due figli, abitava a casa della madre nel quartiere Trionfale a Roma. Rossella Nappini era un’infermiera e una mamma e aveva 52 anni. È stata uccisa a coltellate e trovata in una pozza di sangue.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Roma Fanpage.it
A cura di Alessia Rabbai
7.181 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
News sull'omicidio di Rossella Nappini a Roma

Rossella Nappini, l'infermiera del San Filippo Neri uccisa a Roma aveva cinquantadue anni, separata con due bambini, abitava insieme a sua madre in un appartamento di via Giuseppe Allievo nel quartiere Trionfale, dove nel pomeriggio di lunedì 4 settembre l'hanno trovata morta. Una donna riservata e non molto conosciuta, alcune persone che abitano vicino al civico 61 hanno raccontato di averla presente solo di vista, ma di non averci mai parlato.

Chi era Rossella Nappini

Rossella da molti anni in servizio al San Filippo Neri ha lavorato in vari reparti, Ortopedia, Day Surgery Multidisciplinare, e da un anno e mezzo era al Poliambulatorio. Impegnata socialmente, in passato tra le varie attività sostenute si era occupata di una raccolta fondi per un centro antiviolenza.

La relazione tra Rossella Nappini e il 45enne fermato

Secondo i primi risvolti delle indagini Rossella avrebbe avuto una relazione sentimentale con Adil Harrati, il quarantacinquenne fermato dalla polizia e portato nel carcere di Regina Coeli. Ad alcune colleghe avrebbe confidato che l'uomo di origine Marocchina non aveva accettato che lei avesse deciso di chiudere il loro rapporto e di voltare pagina, compresi episodi di stalking e violenza psicologica. Sua sorella Monica su Facebook ha scritto: "Purtroppo stavolta non sono riuscita a salvarti". Gli zii intervistati dai giornalisti hanno spiegato che "l'uomo fermato era un operaio, Rossella e sua madre lo conoscevano, perché aveva fatto dei lavori in casa".

I poliziotti al lavoro in via Giuseppe Allievo
I poliziotti al lavoro in via Giuseppe Allievo

La dinamica del femminicidio di Rossella Nappini

Il quartiere è scosso dall'accaduto, gli agenti della Polizia di Stato e la Scientifica ieri pomeriggio hanno circondato l'area con un nastro, per impedire l'ingresso nell'edificio. Hanno invitato i residenti nel a non entrare nelle loro abitazioni, per non rischiare di contaminare durante i rilievi la scena del crimine, fino alla rimozione della salma. Verso l'ora di cena è arrivata la mortuaria, che l'ha portata in obitorio. A Fanpage.it Paolo Tedesco, l'amministratore di condominio ha spiegato: "Era la figlia di una condomina ma non la conoscevo personalmente, mi hanno chiamato nel pomeriggio dicendomi che nel palazzo c'era una pozza sangue".

Una donna che l'ha vista qualche volta ha spiegato di aver sentito un residente che ha detto di aver udito delle urla "pare che dicessero aiuto, aiutatemi". I poliziotti hanno svolto delle verifiche anche nell'area circostante, perlustrando i cassonetti dei rifiuti presenti nelle vicinanze, forse alla ricerca dell'arma del delitto, di vestiti o di altri indizi che potrebbero essere d'aiuto alle indagini. Il movente non è ancora chiaro. Presente sul posto oltre alla Polizia di Stato e la Scientifica anche il personale sanitario intervenuto in ambulanza.

Il palazzo in cui abitava Rossella ed è stata trovata morta
Il palazzo in cui abitava Rossella ed è stata trovata morta
7.181 CONDIVISIONI
Rossella Nappini uccisa a Roma, la sorella: "Il killer non può aver agito da solo, voglio la verità"
Rossella Nappini uccisa a Roma, la sorella: "Il killer non può aver agito da solo, voglio la verità"
Funerali Rossella Nappini: amici, colleghi e familiari accompagnano il feretro fra lacrime e applausi
Funerali Rossella Nappini: amici, colleghi e familiari accompagnano il feretro fra lacrime e applausi
Addio a Rossella Nappini: l'ingresso nel feretro della cappella dell'ospedale San Filippo Neri
Addio a Rossella Nappini: l'ingresso nel feretro della cappella dell'ospedale San Filippo Neri
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views