Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Finisce con multe salate la festa di un gruppo di ragazzi ad Aprilia, in provincia di Latina. Secondo le informazioni apprese, i giovani stavano brindando davanti a un minimarket sulla via Nettunense, per festeggiare allegramente il compleanno di uno di loro, senza indossare le mascherine e non rispettando le norme sul distanziamento sociale, regole imposte dal Dpcm per il contenimento dei contagi da coronavirus. I ragazzi sono stati inoltre sanzionati, per aver consumato bevande alcoliche dopo l'orario consentito.

Multato anche il titolare del minimarket

La segnalazione al Commissariato di Cisterna avviene nella serata di ieri, martedì 20 ottobre. E appena i poliziotti arrivano su via Nettunense, all'altezza di Aprilia, notano una decina di ragazzi che stavano festeggiando. È il compleanno di uno di loro. Sono senza mascherine e ubriachi. In tutto sono due le regole violate: sia la misura per contrastare il rischio di contagio da Covid-19, non avendo i dieci ragazzi di origine capoverdiana la mascherina, che il consumo di alcolici dopo l'orario consentito. Infatti, secondo il Regolamento di polizia urbana approvato nel 2019 dalla Giunta capitolina, dalle ore 22 alle 7 è vietato sia il consumo che la vendita di bevande alcoliche. Multa quindi che dovrà essere pagata anche dal titolare dell'attività commerciale che ha venduto ai ragazzi l'alcol.

Festa di nozze a Pontinia con 80 invitati: arrivano i carabinieri

Feste dei matrimoni, battesimi e di altre "cerimonie civili o religiose sono consentite con la partecipazione massima di 30 persone nel rispetto dei protocolli e delle linee guida vigenti", così come scritto nel Dpcm del 13 ottobre e confermato in quello del 18. Ma non tutti ancora rispettano il divieto. E così a Pontinia, in provincia di Latina, il 17 ottobre i carabinieri hanno interrotto un banchetto di nozze dove stavano festeggiando oltre ottanta persone. Ma gli invitati e chi ha organizzato la cerimonia non sono gli unici a essere stati multati. Anche il titolare del ristorante ha ricevuto la sanzione che ora dovrà pagare.