10 Novembre 2021
16:10

Alla Palestra Popolare San Lorenzo la camera ardente di Alessio Zangrilli: l’ultimo saluto al pugile

Oggi l’ultimo saluto ad Alessio Zangrilli, ‘Zangra’, il pugile della Palestra Popolare San Lorenzo trovato morto il 4 novembre nel fiume Tevere. Alessio era scomparso dalla sua abitazione di San Cleto il 10 ottobre, e da allora nessuno aveva avuto più sue notizie. Questa mattina la camera ardente, alle 14.30 i funerali.
A cura di Natascia Grbic
Alessio Zangrilli
Alessio Zangrilli

Sono in tanti, oggi, a voler dare l'ultimo saluto ad Alessio Zangrilli, il pugile scomparso dalla sua abitazione di San Cleto il 10 ottobre e trovato senza vita nel Tevere il 4 novembre. Questa mattina la camera ardente alla Palestra Popolare San Lorenzo, con i maestri di boxe di Alessio, i suoi amici, i familiari, i compagni del pugilato. Sulla bara, posizionata accanto al ring sul quale ha combattuto tante volte, i suoi guantoni. Presente la mamma, che tanto aveva fatto per cercare il figlio, e la fidanzata, sconvolta per la perdita. Dopo la camera ardente nella palestra che Alessio amava, si terranno alle 14.30 i funerali alla Basilica dell'Immacolata a San Lorenzo.

Alessio Zangrilli era scomparso dalla sua abitazione di San Cleto il 10 ottobre scorso. L'ultima ad averlo visto era stata una vicina di casa verso le 15. Poi, il giovane è scomparso nel nulla. Nessuno è riuscito più a raggiungerlo al cellulare, che aveva staccato, e nessuno lo aveva più visto in giro. Per giorni i volantini col suo volto hanno girato per la capitale, per giorni la madre ha lanciato appelli disperati a Chi l'ha Visto. Tutti, dagli amici ai suoi allenatori di boxe, hanno fatto il possibile per cercarlo, invitandolo a tornare a casa. Purtroppo però, la vicenda della scomparsa di Alessio Zangrilli non è finita nel modo in cui tutti speravano.

Il corpo del giovane è stato visto la mattina del 4 novembre da un passante. Con sé non aveva il cellulare, ma dei documenti che non hanno lasciato spazio ai dubbi. A riconoscerlo è stata la madre, che aveva sperato fino all'ultimo che Alessio non avesse compiuto un gesto estremo. Sembra che il ragazzo stesse vivendo un periodo di fragilità, acuito dal fatto che aveva perso il lavoro durante la pandemia. Nessuno avrebbe però mai immaginato che il pugile della Palestra di San Lorenzo decidesse di porre fine alla sua vita.

Roma, la camera ardente di David Sassoli in Campidoglio
Roma, la camera ardente di David Sassoli in Campidoglio
221.027 di Fanpage.it Roma
Camera ardente in Campidoglio per David Sassoli, l'arrivo del feretro
Camera ardente in Campidoglio per David Sassoli, l'arrivo del feretro
595 di antoizzo86
Morte di David Sassoli, aperta al pubblico la camera ardente in Campidoglio
Morte di David Sassoli, aperta al pubblico la camera ardente in Campidoglio
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni