1.390 CONDIVISIONI
Alessia Piperno arrestata e liberata in Iran
4 Ottobre 2022
16:39

Alessia Piperno arrestata in Iran, il prof del liceo: “I suoi occhi guardavano oltre, lontano”

“Qualcosa nel suo sguardo sembrava andare oltre, è un po’ strano da descrivere. È come se i suoi occhi guardassero lontano”, ha raccontato a Fanpage.it il professore Antonio De Meo, docente di Alessia Piperno al liceo.
A cura di Enrico Tata
1.390 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Alessia Piperno arrestata e liberata in Iran

"Sono stato docente di Alessia Piperno ai tempi del liceo nel suo secondo anno e in parte del terzo anno. Con i social ci siamo tenuti in contatto anche dopo la scuola e così ho scoperto la sua passione per i viaggi. Qualcosa nel suo sguardo sembrava andare oltre, è un po' strano da descrivere. È come se i suoi occhi guardassero lontano. E questo ricordo mi è venuto in mente quando ho appreso del suo cambiamento di vita di sette anni fa, quando sono venuto a conoscenza di questa serie di viaggi ininterrotta. È allora che mi sono ricordato di quello sguardo. Il suo viaggio per me è come il viaggio di Ulisse, che conosce altre terre, altri uomini, altre città, costumi e usi". A parlare è Antonio De Meo, che di Alessia è stato professore di italiano.

Il prof di Alessia Piperno: "Troppi leoni da tastiera, sui social insulti e toni irrispettosi"

Ai microfoni di Fanpage.it il docente ha espresso tutta la sua preoccupazione per quanto sta accadendo alla sua ex alunna, arrestata a Teheran in Iran per motivi ancora da accertare. "Ero a casa, alle 8 ho ascoltato il tg e sentendo il nome di Alessia mi è preso un colpo. Sui social ho letto la notizia e ho letto i commenti degli utenti. Ho notato parole davvero irrispettose nei suoi confronti. Non ci si può lasciare andare a simili commenti. Quando una persona parla di arresto, per esempio, e poi parla di riscatto, evidentemente non conosce la differenza tra arresto e sequestro. Anche i toni, tipici da leoni da tastiera. Qualcuno ha scritto se ci fosse stato un uomo al suo posto, non ci sarebbero stati gli stessi commenti, e credo di essere d'accordo. Commenti come ‘poteva starsene a casa', denotano anche una scarsa conoscenza della persona: subito è stato detto che alessia non era lì da due tre giorni in vacanza, ma da due o tre mesi. Molte persone come al solito commentano senza conoscere la situazione di cui parlano. E sono convinto che se al posto suo ci fosse stato un ragazzo, il tenore dei commenti sarebbe stato diverso".

Il professore ha lanciato un appello sui social e si augura, ovviamente, che Alessia possa essere liberata nel minor tempo possibile: "Spero che questo nostro condividere la notizia possa in qualche modo avere effetti positivi. Un appello che rivolgo a tutti è di mantenere viva l'attenzione. Alessia libera, forza Alessia".

La Farnesina sta verificando i motivi dell'arresto di Alessia in Iran

La Farnesina sta cercando di verificare i motivi dell'arresto di Alessia nella capitale iraniana. La trentenne romana, stando a quanto si apprende, sarebbe stata portata in carcere subito dopo il fermo, scattato il giorno del suo compleanno. Il carcere, riporta l'agenzia Ansa, sarebbe quello di Elvin.

1.390 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni