234 CONDIVISIONI
15 Novembre 2021
16:20

Sui taxi solo 2 passeggeri alla volta, a meno che non siano familiari: la nuova ordinanza

“Al fine di rispettare le distanze di sicurezza, non potranno essere trasportati, distanziati il più possibile, più di due passeggeri, se non componenti dello stesso nucleo familiare”: è quanto si legge nella nuova ordinanza dei ministeri di Salute e Trasporti per quanto riguarda i taxi.
A cura di Annalisa Girardi
234 CONDIVISIONI

Sui taxi e a bordo di tutti i mezzi di trasporto non di linea è "opportuno evitare che il passeggero occupi il posto disponibile vicino al conducente", per cui "al fine di rispettare le distanze di sicurezza, non potranno essere trasportati, distanziati il più possibile, più di due passeggeri, se non componenti dello stesso nucleo familiare". È quanto prevede la nuova ordinanza dei ministeri di Salute e Trasporti sulle misure per il contenimento del virus nel settore. Insomma, un taxi non potrà trasportare più di due passeggeri per volta, a meno che non si tratti di persone appartenenti alla stessa famiglia.

Sempre per quanto riguarda i taxi, inoltre, si ribadisce anche l'obbligo per il conducente di indossare la mascherina e di avere il Green Pass, come tutti i lavoratori mentre esercitano il loro impiego. Nell'ordinanza si stabilisce anche che nelle grandi stazioni che dispongono di gate d'accesso "è preferibile che il controllo della Certificazione verde sia svolto a terra, prima della salita sul mezzo". E ancora: "Qualora non fosse possibile, il controllo può essere effettuato dal personale insieme al controllo del biglietto di viaggio". Per i passeggeri che presentano sintomi riconducibili al Covid, inoltre, Polizia ferroviaria e Autorità sanitarie possono decidere di fermare il treno per intervenire.

Un'altra novità riguarda il trasporto pubblico locale. Si riammette infatti la possibilità di utilizzare la porta anteriore di autobus di linea (durante l'emergenza si poteva salire o scendere solo utilizzando quella centrale e posteriore) a patto che sia installato un pannello divisorio che separi l'autista dai passeggeri.

Nel documento infine si legge:

Il graduale riavvio delle attività di bigliettazione e controllo a bordo, come da allegato 15, deve essere svolto in condizioni di sicurezza, garantendo al personale preposto la dotazione di mascherine chirurgiche o con più alto livello di protezione (FFP2) e dotazione di soluzione idroalcolica per la frequente igienizzazione delle mani.

234 CONDIVISIONI
Speranza firma l'ordinanza: 4 Regioni passano in zona arancione dal 24 gennaio, 2 in zona gialla
Speranza firma l'ordinanza: 4 Regioni passano in zona arancione dal 24 gennaio, 2 in zona gialla
La raffinata strategia per tenere tutto aperto: far finta che con Omicron non muoia più nessuno
La raffinata strategia per tenere tutto aperto: far finta che con Omicron non muoia più nessuno
Scuola, con 2 positivi in classe in quarantena solo i non vaccinati: la richiesta delle Regioni
Scuola, con 2 positivi in classe in quarantena solo i non vaccinati: la richiesta delle Regioni
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni