60 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Elezioni regionali 2024

Sondaggi politici, chi vince le elezioni regionali in Basilicata 2024: Bardi in vantaggio su Marrese

Alle elezioni regionali 2024 in Basilicata mancano meno di tre settimane. I sondaggi politici danno in vantaggio Vito Bardi, presidente uscente appoggiato dal centrodestra, da Azione e Italia viva. Piero Marrese, candidato del centrosinistra ha un distacco di alcuni punti. Molto più in basso Eustachio Follia, candidato di Volt.
A cura di Luca Pons
60 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Stanno circolando i sondaggi politici sulle elezioni regionali 2024 in Basilicata, che si svolgeranno il 21 e 22 aprile. Nelle rilevazioni risulta in vantaggio il candidato del centrodestra e presidente uscente, Vito Bardi (appoggiato anche da Azione e Italia viva), rispetto a quello di centrosinistra e Movimento 5 stelle Piero Marrese. Il distacco, però, è piuttosto diverso a seconda dei sondaggi. In tutti i sondaggi, invece, risulta molto in basso Eustachio Follia, candidato di Volt.

Chi è in vantaggio e quali partiti prendono più voti in Basilicata

Il più recente sondaggio Winpoll, commissionato dal Partito democratico, riporta questi risultati nelle preferenze:

  • Vito Bardi: 51,5%
  • Piero Marrese: 46,4%
  • Eustachio Follia: 2,1%

Insomma, tra il candidato del centrodestra e il suo principale sfidante ci sarebbero poco più di cinque punti. Una distanza significativa, ma non incolmabile, quando mancano circa tre settimane al voto. Anche perché il nome di Marrese è emerso solo a metà marzo, per cui la campagna elettorale per ora ha avuto poco tempo di incidere.

Il sondaggio riporta anche le preferenze per i singoli partiti. Fratelli d'Italia sarebbe al primo posto con il 18,7%, seguito da Partito democratico al 16,3% e al Movimento 5 stelle al 15,9%, molto vicino ai dem. Forza Italia prenderebbe l'11,6% mentre la Lega arriverebbe appena al 5,7% confermando il suo momento difficile (nel 2019 prese il 19,5%, mentre alle elezioni politiche del 2022 nella Regione ha preso il 9% circa).

Il Carroccio sarebbe superato nella coalizione di centrodestra anche da Azione, con il 6%. Seguirebbero poi i Verdi-Sinistra (5,4%) che appoggiano Marrese. Non è registrato il risultato di Italia viva di Matteo Renzi, anche lui schierato a sostegno di Bardi. Tra le liste civiche, il risultato più alto andrebbe a Basilicata Casa Comune di Angelo Chiorazzo, con il 6%. Volt, invece, prenderebbe il 2%.

Il primo sondaggio, Bardi in vantaggio di undici punti

Quello di Winpoll è il sondaggio più ottimistico per quanto riguarda il centrosinistra e il suo candidato Marrese. La prima rilevazione, commissionata da Forza Italia e effettuata da Noto, era stata pubblicata il 22 marzo, quando la candidatura di Marrese era stata ufficializzata da pochi giorni. In quel caso, non c'era una previsione per i risultati di tutti i partiti, ma il risultato tra i candidati era molto più netto.

Infatti, il risultato del sondaggio Noto era questo:

  • Vito Bardi: 55%
  • Piero Marrese: 44%
  • Eustachio Follia: 1%

Il distacco, quindi, era di ben undici punti. Più del doppio di quello rilevato negli scorsi giorni da Winpoll. Se si tratti di un ‘effetto rimonta' per Marrese, o di un risultato più o meno favorevole potenzialmente dettato anche dal committente dei sondaggi, si vedrà il giorno delle elezioni. In tutti i casi, al momento c'è chiaramente un vantaggio di Bardi. A tre settimane dal voto, la coalizione progressista dovrà impegnarsi parecchio per provare a ribaltarlo. Nei quindici giorni precedenti al voto, poi, sarà vietato diffondere sondaggi.

60 CONDIVISIONI
94 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views