2.000 CONDIVISIONI
Coronavirus
31 Agosto 2020
15:47

Scuola, Speranza dopo il summit Oms: “Pianificare didattica a distanza per eventuali chiusure”

Dopo il summit con 53 Paesi, il direttore dell’Organizzazione mondiale della sanità per l’Europa, Hans Kluge, e il ministro della Salute, Roberto Speranza, hanno rilasciato una nota congiunta ribadendo l’importanza di riaprire le scuole. Ma, allo stesso tempo, va pianificata “la disponibilità dell’apprendimento online per integrare l’apprendimento nel prossimo anno scolastico”, nel caso in cui ci siano nuove chiusure.
A cura di Stefano Rizzuti
2.000 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Pianificare la ripresa della scuola e anche una ripartenza attraverso la didattica a distanza. Questi sono gli obiettivi principali emersi dal summit con 53 Paesi guidato dall’Oms. Ed è una dichiarazione congiunta del direttore regionale per l’Europa dell’Oms, Hans Kluge, e del ministro della Salute, Roberto Speranza, a ricordare che l’emergenza Covid-19 ha “creato la più grande interruzione dei sistemi educativi nella storia, colpendo quasi 1,6 miliardi di studenti in più di 190 Paesi e la nostra regione non fa eccezione”. Nella dichiarazione si spiega che è “realistico preparare e pianificare la disponibilità dell'apprendimento online per integrare l'apprendimento nel prossimo anno scolastico”.

Scuola, didattica a distanza in caso di chiusure

La didattica a distanza non può quindi essere del tutto accantonata e le lezioni online sono ritenute necessarie “durante le chiusure temporanee: possono essere necessarie durante la quarantena episodica e possono integrare l'apprendimento scolastico in circostanze in cui i bambini alternano la presenza scolastica per rispettare le esigenze di allontanamento fisico nelle aule più piccole”.

Il ministro della Salute, Roberto Speranza, sottolinea che “diritto alla salute e diritto all’istruzione devono camminare insieme. Oggi, in rappresentanza dell’Italia, ho promosso con l’Oms una conferenza sulla riapertura delle scuole in sicurezza a cui hanno partecipato 53 Paesi. Questa è la vera priorità delle prossime settimane in tutto il mondo”. Messaggio condiviso dal presidente del Consiglio, Giuseppe Conte: “Ancora una volta l’Italia in prima fila per elaborare strategie utili per combattere il coronavirus. Grazie al ministro Roberto Speranza oggi 53 Paesi si confrontano con l'Oms sulla riapertura delle scuole in sicurezza. Questa oggi è la nostra priorità”.

Per Oms chiusura vitale, ma ora riaprire scuole

Nella nota congiunta si ribadisce anche che la chiusura delle scuole in piena emergenza è stata una misura ritenuta “vitale”, ma ora bisogna riaprire “in modo sicuro”: “Dovranno essere attuate politiche specifiche per i bambini a rischio con esigenze di apprendimento o condizioni di salute speciali, nonché per gli educatori con condizioni di salute che li rendono vulnerabili a infezioni più gravi. Abbiamo convenuto che esiste un'ampia gamma di misure che possono essere prese in considerazione per la riduzione del rischio negli ambienti scolastici”.

Le misure da rispettare sono sempre le stesse, a partire dall’igiene delle mani, dalle distanze fisiche, dall’uso di mascherine quando necessario e dalla necessità di stare a casa in caso di malattia. Comportamenti ritenuti le “pietre angolari di un'istruzione scolastica sicura all'interno della realtà Covid-19. L'importante legame tra i settori della sanità e dell'istruzione continuerà a crescere mentre navighiamo nella nuova realtà post-Covid-19. Ci impegniamo a lavorare in tutti i settori per soddisfare le esigenze dei bambini”.

2.000 CONDIVISIONI
27059 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni