10.313 CONDIVISIONI
Covid 19
9 Agosto 2021
11:29

Scuola, la proposta: “Spostare docenti senza green pass in biblioteche, laboratori e segreterie”

La sottosegretaria all’Istruzione, Barbara Floridia, propone di non sanzionare i docenti che non sono in possesso di green pass e lancia una soluzione alternativa: “Un modo potrebbe essere quello di spostare le persone senza il green pass in luoghi dove non ci sono contatti con i ragazzi. Penso alle biblioteche, ai laboratori, alle segreterie per programmazione e progettualità didattiche”.
A cura di Stefano Rizzuti
10.313 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Il governo ha introdotto l’obbligo di green pass per tutto il personale scolastico, docenti compresi. Una scelta che ha l’obiettivo di far tornare in sicurezza e in presenza tutti gli studenti in classe a settembre. Ma che la sottosegretaria al ministero dell’Istruzione ed esponente del Movimento 5 Stelle, Barbara Floridia, sembra condividere solo in parte. Sì al green pass, ma no alle sanzioni, è la sua posizione. Esplicitata in un’intervista al Corriere della Sera: “Ritengo che le sanzioni pecuniarie contro i dirigenti scolastici e il personale scolastico siano un accanimento”. Floridia spiega la sua posizione: “Sono favorevole al green pass e anche al fatto che si debbano prendere provvedimenti per omesso controllo o per assenza del green pass. Ma non con le sanzioni amministrative. Ci sono tanti metodi. È davvero troppo sospendere i docenti e il personale Ata e togliere lo stipendio a chi dopo cinque giorni non presenta il green pass”.

La proposta di Floridia: spostare docenti senza green pass

La sottosegretaria all’Istruzione presenta quindi una soluzione alternativa, anche se di non facile applicazione: “Un modo potrebbe essere quello di spostare le persone senza il green pass in luoghi dove non ci sono contatti con i ragazzi. Penso alle biblioteche, ai laboratori, alle segreterie per programmazione e progettualità didattiche. E poi dobbiamo pensare che non saranno tanti quelli che non avranno il green pass”. Floridia fa riferimento alle percentuali sulla vaccinazione del personale scolastico: in alcune Regioni, in effetti, quasi tutti i docenti sono stati immunizzati, ma in altre – a partire da Sicilia e Liguria – la percentuale di persone che non hanno ancora ricevuto la prima dose e che lavorano in ambito scolastico è molto più alta: si arriva fino al 40%. La sottosegretaria sostiene che, peraltro, il tasso di vaccinazione sia anche più alto di quello emerso nel report settimanale del governo: “Credo che siano almeno un 5% in meno. Ci sono molte persone che sono andate a fare il vaccino senza qualificarsi come docente. Io per esempio”.

Green pass a scuola, le sanzioni per i presidi

La sottosegretaria critica la decisione di prevedere sanzioni per i presidi che non verificano il green pass del personale: “No, non è questa la strada. Intanto bisogna capire chi controlla chi. Come si fa a capire che un dirigente scolastico ha omesso il controllo? Non è chiara la norma. Bisogna ragionare su una soluzione alternativa che non può essere eccessivamente gravosa per i dirigenti scolastici”. Resta, poi, il problema dei trasporti pubblici, che a settembre si ripresenterà come già avvenuto lo scorso anno: “Dobbiamo tenere presente che il problema del contagio più che dentro la scuola è fuori. E per questo ho attivato un software che da metà settembre sarà a disposizione di Comuni e Regioni. Calcola il flusso dei tragitti che gli studenti fanno per venire a scuola. In questa maniera si può decidere meglio in che modo implementare i trasporti pubblici”.

10.313 CONDIVISIONI
28165 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni