50 CONDIVISIONI
Elezioni europee 2024

Salvini: “Per le europee non sono in competizione con Meloni e Tajani, mio obiettivo è riunirci”

Matteo Salvini alla Sala Stampa Estera ha lanciato un appello agli alleati di governo in vista delle elezioni europee: “Il mio invito è che dal 10 giungo il centrodestra italiano ed europeo si riunisca, non dico in un solo gruppo sarebbe sognare, ma in una maggioranza solida”.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Fanpage.it
A cura di Annalisa Cangemi
50 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni europee 2024

Il segretario della Lega Matteo Salvini ha tenuto una conferenza stampa alla Sala Stampa Estera, annunciando un evento in programma per la prossima domenica a Firenze, per parlare del progetto per le elezioni europee di giugno. "Geert Wilders ha confermato" la sua partecipazione all'evento organizzato dal gruppo Identità e Democrazia del Parlamento europeo e promosso dalla Lega, "Sarà una delle sue prime uscite internazionali, sta vivendo le fasi di formazione del governo. È chiaro che tra sabato e domenica la priorità sarà data agli elettori olandesi", ha spiegato Salvini. "Sono 14 le delegazioni che saranno presenti domenica. Parteciperà il presidente del Rassemblement national e candidato Jordan Bardella, si video-collegheranno Marine Le Pen e André Ventura dal Portogallo", ha aggiunto il vicepremier del Carroccio.

All'evento di Firenze, parteciperanno delegazioni dalla Francia, Bulgaria, Polonia, Romania, Danimarca, Estonia, Repubblica Ceca, Fiandre (Belgio), Austria, Paesi Bassi, e Germania. Saranno anche presenti il leader bulgaro Kostadin Kostadinov (Revival), quello polacco Roman Fritz (Confederation of the Polish Crown), quello romeno George Simion (Aur). Dalla Danimarca arriverà Majbritt Birkholm (Df), dall'Estonia Martin Helme (Ekre), dalla Repubblica ceca Tomio Okamura (Spd), dal Belgio Gerolf Annemans, capo delegazione al Pe (Vb), dall'Austria Harald Vilimsky, capo Delegazione al Pe (Fpo) e dalla Germania Tino Chrupalla co-Leader dell'AfD.

"Non ci sarà alcun ‘cantiere nero'", ha detto Salvoni, ma un evento in cui "si esporrà l'idea di un'altra Europa fondata sulla libertà". Da parte Lega, ha aggiunto, ci saranno "ministri, governatori, e un centinaio di sindaci da tutta Italia, parleremo di vari temi, soprattutto di ambiente e lavoro, sicurezza, e libertà di espressione".

"Il tema centrale sarà la libertà", ha insistito. "Sarà un momento di costruzione di un manifesto per una Europa che sarà Un'altra Europa rispetto a quello a guida socialista è possibile". "Io sono un sincero democratico: se ci sarà chi manifesterà le sue idee, ben venga. Se c'è gente che crea confusione c'è il diritto penale e le forze dell'ordine", ha detto, rispetto alle contestazioni annunciate a Firenze. "Abbiamo scelto di fare l'evento a Firenze perché è la patria italiana e immagine nel mondo del Rinascimento, per l'orgoglio di mostrare quello che l'Italia e l'Europa ha fatto nei secoli passati". 

"Alle elezioni europee il gruppo Identità e democrazia sarà più forte. L'obiettivo è essere determinanti" in Ue "superando veti incomprensibili" che arrivano dal "centrodestra" Il fine è "riunire tutto il centrodestra europeo, oggi diviso in tre". 

"Non sono in competizione con Meloni e Tajani, il mio obiettivo è riunirci", ha dichiarato Salvini. "Il governo italiano lavora bene, è solido, sta ottenendo risultati, punta ad arrivare alla fine della legislatura". Ora però Lega, Forza Italia, Fratelli d'Italia in Europa sono in tre gruppi diversi. "Il mio invito è che dal 10 giugno il centrodestra italiano si riunisca in Europa, non dico in un solo gruppo ma almeno in un'unica maggioranza solida, senza veti", ha detto il ministro dei Trasporti.

"Cosa ci divide? Per esempio il sì alle auto elettriche dal 2035, è una follia. Mette a rischio migliaia di posti lavoro. Non sono differenze ideologiche", ha aggiunto Salvini. "In una piattaforma di centrodestra comune il tema del lavoro è centrale, quindi Green Deal sì" ma con un'attenzione ai lavoratori e senza "ideologia".

Salvini ha risposto anche sulla vittoria del leader populista e antieuropeista Geert Wilders, che durante i negoziati per il Recovery Fund aveva dichiarato "Non un centesimo all'Italia": "Ci sono state dichiarazioni nettamente più sgradevoli in Italia, lui ha difeso l'interesse nazionale olandese, è legittimo. Così come io difendo l'interesse nazionale italiano". Salvini ha poi aggiunto che l'uscita dell'Italia dall'Unione Europea "per la Lega non è una opzione".

50 CONDIVISIONI
66 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni