Il programma del centrodestra è un programma condiviso che mette al centro gli intreressi degli italiani, non quelli dell'Europa. Così Matteo Salvini ha spiegato con poche parole a Radio Capital il minimo comune denominatore che sottende alla coalizione di centrodestra. "L'interesse dei 60 milioni di italiani, vale più di ogni altra cosa. Prima anche dell'Europa. Molti ritengono che l'euro sia al termine, la moneta unica potrebbe essere superata, smantellata. Anche i tedeschi, secondo alcuni, dicono questo. Proprio ieri su Fb ho pubblicato il programma comune del centrodestra, firmato da tutti. Sull'Europa c'è la difesa del made in Italy e la prevalenza della difesa dell'interesse dell'Italia sul diritto comunitario. La direttiva banche è contro la Costituzione, per esempio, mentre l'Ue dice che alcuni risparmiatori vanno difesi e altri no. Berlusconi si atterrà a quello che abbiamo firmato, e io pure", ha spiegato il leader della Lega.

Proseguendo, Salvini ha risposto a una domanda relativa al fascismo e in particolare all'affermazione del presidente Mattarella che proprio ieri ha dichiarato che il regime di Benito Mussolini non "ebbe meriti": "Mussolini ha fatto tante cose, ha bonificato le paludi. Che nel periodo del fascismo Mussolini abbia costruito tante cose, che sia stato introdotto il sistema delle pensioni è un'evidenza. Poi, evidentemente, ci sono state le leggi razziali, che sono state quanto di più folle, ma preferisco la democrazia alla dittatura. Odio le dittature di qualunque segno".

Per quanto riguarda le divergenze politiche tra lui e Silvio Berlusconi, Salvini ha dichiarato: "Lui del 3 per cento parla come di un vincolo sbagliato. Umanamente, mi metto nei suoi panni. Per come è stato trattato, ci tiene ad avere buoni rapporti con i vertici europei. Io dico che Juncker, disastroso secondo me, è uno che ha governato il Lussemburgo, il più famoso paradiso fiscale del mondo, e che dunque non può difendere l'interesse dei lavoratori italiani, e a me non interessano quelle frequentazioni".

Chi sarà il prossimo presidente del Consiglio per la coalizione di centrodestra? "Questo abbiamo deciso con Berlusconi: chi prende un voto in più fra Salvini e Berlusconi, che hanno un programma comune ma sono persone diverse, decide. Chi vota Lega, insomma sa che vota me, sono anche nel simbolo. Chi vota Forza Italia lo scoprirà".