A due settimane dal primo voto delle comunali in Sicilia il Movimento 5 Stelle rialza la testa. Il primo turno delle elezioni amministrative aveva segnato un calo del partito pentastellato, che aveva perso Gela e Bagheria vedendo crescere la Lega. Ma nel ballottaggio il partito guidato da Luigi Di Maio ha conquistato due comuni fondamentali dei cinque che erano andati al secondo turno: Caltanissetta e Castelvetrano. "È sempre così. Ogni volta che ci danno per morti, noi torniamo più forti di prima – ha commentato proprio il capo politico del Movimento 5 Stelle con un lungo post su Facebook – Vi avevano raccontato di un crollo, vi avevano detto che non ce l’avremmo fatta. Ebbene, abbiamo vinto un’altra volta". Inoltre, ha sottolineato Di Maio, "abbiamo vinto a Caltanissetta, unico capoluogo al voto in Sicilia, dove da soli abbiamo sconfitto la coalizione di centrodestra grazie al nostro candidato Roberto Gambino", ma anche a "Castelvetrano, il paese del boss Matteo Messina Denaro che aveva visto due anni fa il commissariamento del Comune per infiltrazioni mafiose, insieme al nostro Enzo Alfano". Poi il leader del Movimento 5 Stelle ha ringraziato "ogni singolo attivista, ogni singolo cittadino che ha creduto e continua a credere in questo progetto", facendo gli auguri di buon lavoro ai neoeletti.

"Ma non è ancora finita – ha continuato Luigi Di Maio – il 26 maggio ci saranno anche le elezioni Europee e così come in Sicilia, ancora una volta, la scelta sarà tra chi vuole guardare avanti e chi, invece, spera in un altro Patto del Nazareno". Infatti, come ha spiegato il capo politico del Movimento 5 Stelle, "a Gela Zingaretti è tornato a coalizzarsi ancora con Forza Italia", poi "sento di continue telefonate tra la Lega e Berlusconi. Non so cosa ne pensiate voi – ha concluso Di Maio – ma la coerenza a casa mia un valore ce l’ha". Poi, intervenendo in diretta da Matera, il vicepresidente del Consiglio ha insistito, rivolgendosi agli alleati di governo: "Se siamo il governo del cambiamento non puoi fare l'occhiolino a Berlusconi", Forza Italia "sta bene all'opposizione con il Partito Democratico, anche perché – ha continuato Di Maio – quando vogliono si alleano, come in Sicilia, e non oso immaginare un governo guidato da Pd e Forza Italia".

La Lega, nonostante abbia visto aumentare i propri consensi in Sicilia, non ha vinto in nessuno dei comuni al ballottaggio, portando a casa solo Motta Sant'Anastasia, conquistato al primo turno. Il partito guidato da Matteo Salvini ha perso a Gela, dove ha vinto Lucio Greco, sindaco sostenuto da Forza Italia e Partito Democratico, e a Mazara del Vallo, dove è stato eletto Salvatore Quinci, candidato del centrosinistra appoggiato da liste civiche e moderati.