1.368 CONDIVISIONI
Coronavirus
27 Aprile 2021
13:02

Renzi: “Il Pnrr di Draghi ha una visione, i soldi dei nostri figli sono finalmente in buone mani”

Matteo Renzi è soddisfatto per il Piano nazionale di ripresa e resilienza che è stato presentato alla Camera: “A chi si domanda ancora: ‘Valeva la pena subire tutte le polemiche che abbiamo subito per cambiare premier?’, io rispondo: ‘Non importa leggere i giornali internazionali, basta leggere il Pnrr e vi accorgerete da soli perché la risposta è affermativa’”.
A cura di Annalisa Cangemi
1.368 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

Il leader di Italia viva Matteo Renzi è soddisfatto per il Piano nazionale di ripresa e resilienza che è stato presentato da Mario Draghi alla Camera, e che verrà illustrato questo pomeriggio al Senato. Il piano per accedere ai fondi Ue del Next Generation Eu dovrà essere inviato a Bruxelles entro il 30 aprile. Secondo l'ex presidente del Consiglio il piano del presidente del Consiglio Mario Draghi "ha un'anima e una visione. Anima e visione che prima non c'erano. Punto", ha scritto nella sua Enews. "Questa è la differenza più grande rispetto all'esecutivo precedente e alle polemiche del mese di dicembre 2020". Il Recovery plan è stato uno dei principali motivi per cui Renzi ha ritirato a dicembre le sue ministre, aprendo di fatto la crisi di governo.

"A chi si domanda ancora: ‘Valeva la pena subire tutte le polemiche che abbiamo subito per cambiare premier?', io rispondo: ‘Non importa leggere i giornali internazionali, basta leggere il Pnrr e vi accorgerete da soli perché la risposta è affermativa'. I soldi dei nostri figli sono finalmente in buone mani".

Il caso Grillo

Una parte della sua enews è dedicata al video di Beppe Grillo in difesa del figlio, accusato di stupro. "I Cinque Stelle che avevamo conosciuto non esistono più. Il che non è necessariamente un male, intendiamoci. Prima il video di Beppe Grillo, con le inevitabili conseguenze su un movimento nato con il VaffaDay e il giustizialismo. Nel mezzo, una lunga litania di scelte discutibili come – resto fermo alle news di oggi – il reddito di cittadinanza ai mafiosi o l'aumento delle spese delle persone nominate a cominciare dalla presidenza dell'Eni. Infine, decisivo, la divisione tra la piattaforma Rousseau e il Movimento, con una vicenda giuridica talmente piena di cavilli da risultare assurda. Quello di cui sono certo è che il caos grillino è solo all'inizio: la prima forza parlamentare di questa legislatura è dilaniata. Con buona pace di quei talk show che, per mesi, ci hanno raccontato che i grillini avrebbero governato decenni. Il populismo è un fiammifero che finisce col bruciarti le dita. Meglio così".

"Coprifuoco andrà tolto nei prossimi giorni"

Matteo Renzi si sofferma anche sul coprifuoco alle 22, misura contestata da Fratelli d'Italia e dalla Lega, ma che è ritenuta utile dal Comitato tecnico scientifico per limitare la diffusione del contagio: "Io la penso come Stefano Bonaccini: è ovvio che vada rivisto il coprifuoco delle 22. Lo sanno tutti e privatamente lo dicono tutti: così non ha senso. Dunque, nei prossimi giorni il coprifuoco andrà tolto o l'orario prolungato. Regalare questa battaglia a Salvini, a mio giudizio, è un errore politico di quelle forze di maggioranza che, sognando, immaginano un Papeete2", ha scritto ancora Renzi.

"Pensano, cioè, che – provocandolo sul coprifuoco – Salvini cada nel tranello e reagisca d'impulso, uscendo dalla maggioranza. Ma Salvini non ci pensa neppure, la lezione dell'estate 2019 gli è bastata e avanzata".

"Dunque, io ho un modesto suggerimento rivolto a tutti. Evitiamo la guerra degli orari, recuperiamo il buon senso e continuiamo sulla strada delle vaccinazioni e delle riaperture: dove si è vaccinato di più, da Israele agli Stati Uniti, già si è tornati a vivere. E lavoriamo insieme per l'Italia senza polemiche di parte. Che dite? Sono un ingenuo ottimista".

1.368 CONDIVISIONI
27437 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni