547 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 11 minuti fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61396 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 3 minuti fa
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
21 Settembre 2022
21:03

Renzi accusa Conte di promettere sussidi in cambio di voti, la replica: “Fa campagna contro poveri”

È ancora scontro tra Matteo Renzi e Giuseppe Conte. Il leader di Italia Viva accusa quello del M5s di fare voto di scambio al Sud. La replica: “Fa campagna contro i poveri”.
A cura di Annalisa Girardi
547 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

Matteo Renzi e Giuseppe Conte tornano a scontrarsi sul reddito di cittadinanza. Il leader di Italia Viva, oggi a Napoli per un comizio elettorale, è tornato ad accusare il presidente Cinque Stelle di puntare sul voto di scambio al Sud: "Conte viene qui, promette il sussidio e in cambio chiede il voto. Il voto di scambio clientelare che Giuseppe Conte sta facendo nel Mezzogiorno non è che non fa onore al Movimento 5 Stelle, di cui non ho nessuna stima, non fa onore all'idea di Mezzogiorno, perché dà l'idea che sia una popolazione che possa essere convinta attraverso un sussidio per uscire dalla povertà", ha detto.

Per poi aggiungere che non si fanno uscire le persone dalla condizione di povertà dando loro 400 euro al mese, ma servono "investimenti" e "portare lavoro di qualità e le grandi aziende che danno lavoro ai ragazzi". Parlando ancora del Mezzogiorno, Renzi ha aggiunto: "Bisogna farlo diventare come la Florida, invece Conte lo vuole far diventare come il Sussidistan". Infine, Renzi ha concluso ribadendo come la campagna del M5s al Sud sia "indegna".

Giuseppe Conte, da parte sua, ha accusato Renzi di fare campagna elettorale contro le fasce più povere della popolazione. "Renzi dovrebbe pentirsi perché è vergognosa questa sua campagna contro i poveri. Renzi deve vergognarsi perché con il suo partito ha votato in Parlamento l'aumento degli stipendi dei dirigenti di Stato che già guadagnano oltre 10 mila euro al mese, forse ha interpretato quel decreto aiuti come aiuto agli amici dirigenti dello Stato. E fa la guerra a chi guadagna 500 euro per dar da mangiare ai figli, lui che fa politica da quando aveva i calzoni corti e guadagna 500 euro al giorno", ha detto.

Per poi chiamare in causa anche Giorgia Meloni, anche lei molto critica verso la misura cavallo di battaglia del Movimento Cinque Stelle. "Renzi e Meloni sono in politica da decenni. Cosa hanno fatto per le fasce più vulnerabili della popolazione? Perché oggi fanno la guerra ai poveri?", ha chiesto nuovamente il leader M5s.

547 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni