380 CONDIVISIONI
21 Luglio 2021
14:06

Quando scatterà la zona gialla, arancione e rossa: le Regioni rilanciano sui nuovi parametri

La Conferenza delle Regioni ha deciso: i governatori chiederanno una revisione dei parametri che determinano le zone colorate sulla base delle ospedalizzazioni, ma le percentuali sono più alte di quanto trapelato questi giorni. Fedriga ha annunciato che le Regioni si siederanno al tavolo con il governo chiedendo che il limite massimo per restare in zona bianca sia l’occupazione al 20% delle terapie intensive e al 30% dei posti letto in area medica. I governatori chiederanno anche che il green pass sia usato per riprendere le attività ferme, come discoteche e grandi eventi, e per nient’altro in zona bianca.
A cura di Tommaso Coluzzi
380 CONDIVISIONI

Dopo un giorno e mezzo di discussioni faccia a faccia (a distanza), la Conferenza delle Regioni ha una proposta definitiva da presentare al governo. La linea dei presidenti regionali sarà chiara: in zona gialla, arancione e rossa non ci si deve finire e se ci si finisce scatta l'utilizzo più esteso del green pass. A spiegare quanto emerso dalla nuova riunione di questa mattina è stato lo stesso presidente della Conferenza e del Friuli Venezia Giulia, Massimiliano Fedriga: "Abbiamo condiviso una proposta per la revisione degli indicatori delle zone di rischio, formulando l'ipotesi di portare, per la zona bianca, il limite massimo di occupazione dei posti letto in area medica al 30% e quello delle terapie intensive al 20%".

Le soglie che vorrebbero ottenere le Regioni sono ben più alte di quelle di cui si è parlato all'inizio (5% per la rianimazione e 10% per i ricoveri in reparto), ma anche dei numeri su cui si è ragionato fino a ieri (15% e 20%). Insomma, i governatori puntano ad avere ampio margine di manovra nella revisione dei parametri decisionali: "Si tratta di proposte che facciamo al governo, in un'ottica di collaborazione istituzionale, anche alla luce dell'attuale contesto epidemiologico e dalla progressione intensa della campagna vaccinale", ha continuato Fedriga.

Il presidente Fedriga ha spiegato anche che "la Conferenza delle Regioni ha elaborato alcune proposte sull'uso del green pass in un'ottica positiva, ovvero per permettere la ripresa di attività fino ad oggi non consentite", ad esempio "grandi eventi sportivi e di spettacolo, discoteche, fiere e congressi". Anche sul green pass la linea delle Regioni è chiarissima: per ora bisogna utilizzarlo per far ripartire le attività ferme, per evitare che subiscano ulteriori danni economici. Poi, se e quando tornerà la zona gialla, si potrà allargare l'utilizzo anche ad altre attività, come ad esempio ristoranti e locali al chiuso. Ora la palla passa al governo e al presidente Draghi, che prima ascolteranno le proposte delle Regioni, poi si riunirà la cabina di regia e infine decideranno cosa fare in Consiglio dei ministri al massimo domani. Sì, perché il tempo stringe e per diverse Regioni si avvicina la zona gialla.

380 CONDIVISIONI
Le Regioni che andranno in zona gialla a Natale, chi rischia l'arancione e chi può restare bianco
Le Regioni che andranno in zona gialla a Natale, chi rischia l'arancione e chi può restare bianco
In zona arancione e rossa le restrizioni saranno solo per i non vaccinati
In zona arancione e rossa le restrizioni saranno solo per i non vaccinati
Le Regioni a rischio zona gialla, cosa dicono i dati su ospedali e terapie intensive
Le Regioni a rischio zona gialla, cosa dicono i dati su ospedali e terapie intensive
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni