Coronavirus
26 Agosto 2021
09:04

Sicilia in giallo da lunedì, Sardegna rischia dalla prossima settimana

Dopo la Sicilia anche la Sardegna rischia la zona gialla. Sull’isola aumentano i pazienti ricoverati in terapia intensiva. Secondo gli ultimi dati Agenas l’occupazione delle rianimazioni aumenta di un punto percentuale, toccando il 12%. Mentre la percentuale di occupazione dei posti letto in area non critica è sempre al 14%, ma potrebbe raggiungere a breve la soglia massima consentita.
A cura di Annalisa Cangemi
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Coronavirus

La Sicilia è probabilmente la prima Regione che passerà in zona gialla la prossima settimana, da lunedì 30 agosto. I dati dell'Agenas di martedì, giorno preso in considerazione per il monitoraggio del venerdì, quello che decreta i passaggi di colore, dicono chiaramente che l'isola ha già i parametri per il cambio di fascia.

La Sicilia era infatti al 19% per quanto riguarda l'area medica (parametro che non dovrebbe superare il 15%) e per le terapie intensive era all'11% (il limite è fissato al 10%). E quindi, avendo ampiamente superato anche i 50 casi settimanali ogni 100mila abitanti (l'isola è a 186,27 casi, nella settimana 16-22 agosto) dovrebbe passare in giallo dalla prossima settimana, andando quindi verso misure anti Covid più rigide.

Le ultime rilevazioni Agenas confermano questo scenario. Se a livello nazionale resta stabile il tasso di occupazione dei reparti di terapia intensiva e di area non critica da parte dei pazienti Covid (rispettivamente al 6 e al 7%), questi indicatori continuano a variare in alcune Regioni, che da giorni ballano sulla soglia massima prevista dai nuovi parametri per il passaggio in zona gialla. Se guardiamo ai dati dell'Agenzia per i servizi sanitari regionali, aggiornati al pomeriggio di ieri, la Sicilia vede crescere di un punto percentuale il tasso di occupazione dei posti letto in area medica, raggiungendo il 20%; mentre resta per il secondo giorno all'11% di occupazione delle terapie intensive, superando quindi il limite del 15% per i ricoveri ordinari e del 10% per le rianimazioni.

Ma la situazione è in peggioramento anche per la Sardegna, per quanto riguarda le terapie intensive: la presenza di pazienti ricoverati in questi reparti aumenta di un punto percentuale, rispetto al giorno precedente, toccando il 12%, rimanendo sempre sopra la soglia del 10% prevista per il passaggio di colore. Mentre la percentuale di occupazione dei posti letto in area non critica è sempre al 14%, ma potrebbe raggiungere a breve la soglia massima consentita. È probabile quindi che per l'isola scatti la zona gialla dal prossimo 6 settembre, visto che ha già ampiamente superato anche i 50 casi settimanali ogni 100mila abitanti.

Anche in Calabria terapie intensive in crescita

La Calabria è la terza Regione che potrebbe presto finire in zona gialla. Se infatti nel monitoraggio del martedì aveva  il 6% di posti occupati nelle intensive, secondo gli ultimi dato Agenas cresce di un punto percentuale, raggiungendo il 7%. Invariato invece il tasso di occupazione dei reparti ordinari, sempre al 15%. Anche qui l'incidenza è sopra i livelli consentiti: nell'ultima settimana ha fatto registrare 84 casi ogni 100mila abitanti.

Cosa cambia con la zona gialla

In una Regione in zona gialla c'è l'obbligo di indossare mascherine anche all'aperto. Bar e ristoranti restano aperti, senza limiti d'orario, ma si può consumare al tavolo al chiuso massimo in 4, anche con il green pass. Restano aperti anche teatri, cinema, palestre e piscine, sempre con l'obbligo di certificazione verde. Non c'è invece il coprifuoco da mezzanotte alle 5, perché questo è stato abolito lo scorso 21 giugno anche per la zona gialla.

contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni