Si chiuderanno alle ore 20:00 di domenica 3 marzo i seggi delle primarie del Partito Democratico per la scelta del nuovo segretario. Le operazioni di spoglio e i primi risultati arriveranno subito dopo la chiusura dei seggi. Non ci sono ancora tempistiche definite per lo spoglio dei voti, poiché molto dipenderà dall’affluenza alle urne: se complessivamente ai gazebo si recherà oltre un milione e mezzo di elettori (come sembra dalle ultime stime), non è escluso che le operazioni di voto possano essere allungate e che lo scrutinio delle schede possa cominciare in ritardo. Del resto, la commissione nazionale ha già autorizzato i presidenti di seggio a utilizzare schede fotocopiate, laddove fossero terminate quelle spedite dalle varie federazioni provinciali.

Ai nastri di partenza, come vi abbiamo raccontato, si presentano Nicola Zingaretti, governatore della Regione Lazio, Maurizio Martina, deputato ed ex segretario reggente del PD, Roberto Giachetti, deputato che corre in tandem con la collega Anna Ascani. Ricordiamo che, se nessuno dei tre candidati dovesse raggiungere il 50% dei voti, il segretario sarà scelto dal voto dell'Assemblea Nazionale, i cui membri saranno eletti proprio da questo voto delle primarie, attraverso liste collegate alle diverse mozioni.

Primarie PD 2019: exit poll e risultati

Le prime indicazioni sul risultato delle primarie del Partito Democratico arriveranno comunque intorno alle 20, quando, in luogo dei tradizionali exit poll, saranno diffusi i sondaggi realizzati nel corso della giornata. Lo speciale di SkyTg24 che comincerà alle 20:00 seguirà le prime fasi dello spoglio e darà i dati in tempo reale che arrivano dalla sede centrale del Partito Democratico. Da una prima stima fatta da fonti interne all'organizzazione del Partito Democratico, i risultati sono attesi per le 23 circa, quando potrebbero arrivare i dati relativi alle grandi città. Difficile ipotizzare quando si conoscerà un risultato consolidato, dal momento che molto dipenderà dal distacco fra i tre candidati.