Ivan Scalfarotto, sottosegretario allo Sviluppo Economico ed ex sottosegretario alle Riforme, è pronto a dire “sì” al suo compagno. A celebrare la cerimonia, in programma sabato a Milano, sarà l’assessore Pierfrancesco Majorino. A dare la notizia è il quotidiano Repubblica che ricorda che Scalfarotto è il primo membro del governo a usare l'istituto delle unioni civili. Già all’indomani dell’approvazione della legge aveva annunciato di voler compiere questo passo con il compagno Federico, col quale convive da anni. Aveva detto di voler aspettare la proposta del compagno, proposta che evidentemente ora è arrivata. “Sono emozionato. Ma mancano pochi giorni e sono qua, a diecimila chilometri di distanza dall'Italia. Spero che per sabato sia tutto pronto”, ha detto il sottosegretario che è attualmente in Cina per il “Belt and Road forum”. “Sono in Cina per la nona volta in otto mesi. Volevo saltare stavolta, ma questa è un'occasione troppo importante, non potevo. L'Asia guarda all'Europa scavalcando gli Stati uniti. È un'opportunità gigantesca”, ha detto ancora il sottosegretario.

Scalfarotto: “Sono anni che io e Majorino parliamo di questo giorno” – A proposito dell’unione civile Scalfarotto ha detto di convivere col compagno Federico da undici anni e che quindi il passo di sabato “è in fondo solo la conclusione di un percorso”. Di come sarà la cerimonia e dei suoi invitati (forse ci sarà Maria Elena Boschi con cui Scalfarotto ha lavorato al ministero delle Riforme) non ha fornito molti dettagli se non che a sposarlo sarà, appunto, l’amico Majorino. “Sono anni che io e Pierfrancesco parliamo di questo giorno. Tutti e due eravamo convinti che non sarebbe arrivato mai, perché mai nessun governo e nessun Parlamento avrebbero approvato una legge sulle unioni gay. Invece il destino ci ha dato torto. Meglio così”, ha detto Scalfarotto.