2.815 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 20 ore fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61394 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 20 ore fa
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
17 Agosto 2022
20:43

Per Crisanti con Salvini avremmo avuto 300mila vittime di Covid, leader Lega: “Rispetti i morti”

Il virologo Andrea Crisanti, candidato con il Pd, punta il dito contro Matteo Salvini: “Se fossimo stati nelle sue mani ora ci sarebbero 300mila vittime di Covid al posto di 140mila”.
A cura di Annalisa Cangemi
2.815 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

Il Covid-19 è sempre più un tema di scontro in questa campagna elettorale per l'appuntamento del 25 settembre. Sulla pandemia, e sulla gestione dell'emergenza, si schierano in modo contrapposto le due principali forze in campo, il centrodestra, Lega, Fratelli d'Italia e Forza Italia, e la coalizione del centrosinistra, con il Pd in testa. La candidatura del virologo Andrea Crisanti tra le fila dei dem è stato l'innesco per nuove polemiche, soprattutto perché il microbiologo è stato uno dei più convinti sostenitori del lockdown nella prima fase dell'emergenza coronavirus. Mentre il centrodestra, in vista di un aumento dei contagi in autunno, propone comunque interventi strutturali ma poco invasivi – come la ventilazione meccanica controllata e il potenziamento dei trasporti – che non comportino una limitazione della libertà individuale.

"Salvini critica la mia candidatura con il Pd? Forse dovrebbe pensare a tutti gli errori di valutazione che ha commesso, sia in politica estera che sulla sanità pubblica. Se fossimo stati nelle sue mani ora ci sarebbero 300mila vittime di Covid al posto di 140mila e oggi saremmo allineati con Putin. Salvini critica me, ha altre cose a cui pensare", ha detto oggi Crisanti a "The Breakfast Club" su Radio Capital. Letta rincara la dose: "A destra prevale la cultura NoVax. Ha ragione Crisanti, se avessero governato Salvini e Meloni nel 2020 quante migliaia di decessi in più avremmo avuto? Ce li ricordiamo gli aprire, aprire, aprire…"

A proposito dell'operato di Roberto Speranza, secondo Crisanti "Sono stati fatti errori all'inizio, ma il ministro ha collaborato con dirigenti incompetenti, scelta che non dipendeva da lui. Tutti i politici e i medici all'inizio facevano a gara per minimizzare, io sono stato l'unico a metter in evidenza il fatto che stava per scoppiare un disastro".

La replica di Salvini

Al duro attacco Matteo Salvini ha replicato, chiedendo di non strumentalizzare le vittime del Covid: "Uno di questi televirologi dice che con Salvini ci sarebbero stati centinaia di migliaia di morti per Covid… Io non rispondo, quanto meno per rispetto nei confronti delle numerose vittime del Coronavirus, che non dovrebbero essere usate come merce elettorale da qualche pseudo professore che non merita avere risposta… Gli insulti di Letta, Renzi e dei televirologi non mi interessano…", ha commentato dal palco della ‘Versiliana' a Marina di Pietrasanta, in provincia di Lucca.

Alle accuse ha risposto il senatore leghista Roberto Calderoli: "Non voglio entrare nella mischia di una campagna elettorale fatta dal PD con polemiche e veleni e non vorrei farlo nemmeno con il professor Andrea Crisanti, che oggi attacca Salvini dichiarando che se ci fosse stato lui al Governo i morti per Covid sarebbero stati 300mila. È un'accusa gravissima e sorprendente, soprattutto perché arriva da un consulente che, audito dalla procura di Bergamo sull'indagine sulle migliaia di morti per la prima ondata nel territorio bergamasco, ha dichiarato che la mancata istituzione della zona rossa in Val Seriana ha provocato circa 4000 morti. E Salvini e la Lega, e Crisanti lo sa benissimo, in quel febbraio e marzo 2020 non erano al Governo e non potevano decretare zone rosse che comportavano l'impiego di militari per presidiarne i confini. Era un compito che spettava solo al Governo PD-Cinque Stelle".

"Crisanti così smentisce se stesso, smentisce quanto messo agli atti nell'indagine di Bergamo, smentisce la sua storia recente: tutto questo perché rischia di non avere un seggio in Parlamento? Siamo arrivati a questo? Siamo arrivati a fare campagna elettorale sui morti, quelli veri, che purtroppo a Bergamo abbiamo contato a migliaia quando il Governo PD-Cinque Stelle qui non si faceva vedere e non aiutava in alcun modo", ha concluso.

2.815 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni