76 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Papa Francesco dalla parte dei giovani: “Sono precari, sottopagati e sfruttati, sosteniamoli”

Il Pontefice si schiera dalla parte dei giovani, definiti “una delle categorie più fragili del nostro tempo”, denunciando la precarietà in cui tanti sono costretti a vivere.
A cura di Pietro Forti
76 CONDIVISIONI
Immagine

Papa Francesco si schiera coi giovani "sfruttati e sottopagati". L'occasione sono i 50 anni della Confap, confederazione unitaria della Conferenza episcopale italiana per supportare l’orientamento e la formazione professionale. In Aula Nervi, di fronte ai rappresentanti degli oltre 160mila giovani allievi tra i 14 e i 18 anni, il pontefice ha espresso la sua solidarietà a una generazione che considera precaria.

Le parole del pontefice arrivano a pochi giorni dalla festa dei lavoratori del primo maggio. Il Papa, tuttavia, si è soffermato anche sulle difficoltà di chi fatica a trovare un’occupazione. "I giovani, sempre colmi di talenti e di potenzialità, sono anche particolarmente vulnerabili, sia per alcune condizioni antropologiche che per diversi aspetti culturali del tempo in cui viviamo – ha affermato il Papa – Alludo non solo ai Neet che non sono né in formazione né in attività, ma ad alcune scelte sociali che li espongono ai venti della dispersione e del degrado". In Italia la percentuale di persone tra i 15 e i 29 anni che non lavorano né studiano (i cosiddetti "Neet", appunto) è circa il 19%, secondo gli ultimi dati Eurostat.

Papa Francesco ha fatto riferimento anche ai fenomeni della fuga dei cervelli e dell’emigrazione interna per trovare un lavoro. "Molti giovani abbandonano i loro territori di origine per cercare occupazione altrove, spesso non trovando opportunità all'altezza dei loro sogni – ha continuato Bergoglio – Alcuni, poi, intendono lavorare ma si devono accontentare di contratti precari e sottopagati". Secondo l'Istat, la percentuale di giovani under30 tra i lavoratori pagati sotto i 9 euro lordi l'ora è il 12,3%.

Il Papa, che sarà presente al G7 per discutere di intelligenza artificiale, invitato dal governo italiano, ha parlato anche delle sfide legate allo sviluppo tecnologico e all’impatto dell’innovazione sul mondo del lavoro. "Siamo chiamati a respingere due tentazioni: da un lato la tecnofobia, cioè la paura della tecnologia che porta a rifiutarla; dall'altro lato la tecnocrazia, cioè l'illusione che la tecnologia possa risolvere tutti i problemi – ha dichiarato – Bisogna investire risorse ed energie, perché la trasformazione del lavoro esige una formazione continua, creativa e sempre aggiornata".

"Insieme alle competenze tecniche sono importanti le virtù umane: una tecnica senza umanità diventa ambigua, rischiosa e non è veramente formativa – ha continuato il Papa – La formazione deve offrire ai giovani strumenti per discernere tra le offerte di lavoro e le forme di sfruttamento".

Per il pontefice è fondamentale, infine, che ci sia dialogo tra le diverse generazioni, e che questo dialogo si concretizzi in un maggior ricambio nel mondo del lavoro. "Se occorre promuovere una legislazione che favorisca il riconoscimento sociale dei giovani, ancora più importante è costruire un ricambio generazionale dove le competenze di chi è in uscita siano al servizio di chi entra nel mercato del lavoro – ha chiosato Papa Bergoglio – In altre parole, gli adulti condividano i sogni e i desideri dei giovani, li introducano, li sostengano, li incoraggino senza giudicarli".

76 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views