547 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Covid 19

Mascherine all’aperto e discoteche chiuse, c’è la proroga del governo: fino a quando

Il governo ha deciso di prorogare per dieci giorni l’obbligo di mascherina all’aperto e la chiusura delle discoteche, per gli altri provvedimenti sul Covid ci sarà un nuovo Consiglio dei ministri in settimana.
A cura di Tommaso Coluzzi
547 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Le mascherine all'aperto saranno obbligatorie per altri dieci giorni. Il governo ha deciso, in Consiglio dei ministri, di prorogare questa misura anche in zona bianca. Contestualmente viene anche prorogata la chiusura delle discoteche, in vigore da fine dicembre, anche in questo caso per dieci giorni. Entrambe le regole saranno valide perciò fino al 10 febbraio. Secondo quanto si apprende saranno confermate con un'ordinanza del ministro Speranza e non con un decreto legge. Si tratta delle due misure urgenti che il governo doveva decidere se prorogare o lasciar scadere, per il resto in Consiglio dei ministri non si sono prese altre decisioni, come quella attesa sulla scuola o sulla durata del green pass, rimandate a un nuovo incontro che ci sarà presumibilmente sempre durante questa settimana.

L'unica novità di oggi, perciò, riguarda la conferma delle mascherine all'aperto e la chiusura delle discoteche. Tutte le altre indiscrezioni, per ora, non sono state confermate né tradotte in un decreto. Ci si aspetta che al super green pass, per chi ha fatto la terza dose di vaccino contro il Covid, venga eliminata la data di scadenza. Si tratterebbe di una novità importante, visto che – a partire da domani – la durata sarà ridotta ulteriormente a sei mesi. Per chi ha ricevuto la dose booster, secondo questa ipotesi, la certificazione verde rafforzata avrebbe sostanzialmente una durata illimitata.

Tra le novità attese in settimana, però, c'è anche un nuovo provvedimento sulle quarantene a scuola. Sempre secondo le indiscrezioni degli ultimi giorni, le regole per gli studenti – in caso di contagi da Covid in classe – dovrebbero cambiare ancora. Si va verso un'equiparazione delle elementari a medie e superiori, che invece al momento hanno regole diverse. La distinzione fu pensata in virtù dei differenti status vaccinali della popolazione, visto che alla fascia di età minore le prenotazioni sono state aperte solo a dicembre. Ora, però, potrebbero essere equiparate.

547 CONDIVISIONI
32813 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views