1.152 CONDIVISIONI
14 Ottobre 2021
08:10

Green pass, Italia a rischio blocco: scioperi portuali e autotrasportatori, il Viminale teme scontri

Manca meno di un giorno all’entrata in vigore del green pass obbligatorio sul lavoro. Per domani, 15 ottobre, la tensione è altissima e si parla di “venerdì nero”. Il rischio blocco c’è in diversi settori, soprattutto quello portuale e degli autotrasporti, ma il Viminale teme proteste più diffuse e difficili da controllare. Sarebbero milioni i lavoratori che ancora non si sono vaccinati e che domani – se non dovessero fare il tampone – resterebbero fuori dal posto di lavoro.
A cura di Tommaso Coluzzi
1.152 CONDIVISIONI

Ci siamo. A un mese dall'annuncio del governo – e dal decreto legge – domani entrerà in vigore l'obbligo di green pass sul posto di lavoro. Più ci avviciniamo al 15 ottobre, però, più sale la tensione. Dopo la manifestazione di sabato scorso a Roma il Viminale teme altre proteste violente, visto che i segnali – anche stavolta – non sembrano mancare. La linea dell'Interno e della ministra Lamorgese è chiara: se partono cortei non autorizzati bisogna intervenire immediatamente ed eventualmente – se necessario – anche con la forza. Occhi puntati sui palazzi delle istituzioni e sulle sedi sindacali, ma domani le proteste potrebbero scattare ovunque e allo stesso modo degenerare. Lamorgese è stata chiara con i suoi: non si possono fare altri errori di valutazione.

Green pass, la protesta dei portuali da Trieste a Genova

Il rischio che domani l'Italia si blocchi, intanto, aumenta sempre di più. La protesta portata avanti dai portuali di Trieste, che chiedono di sospendere il green pass per tutti i lavoratori, si è allargata a macchia d'olio. Poco importa se le aziende portuali hanno dato disponibilità a pagare il tampone per i lavoratori, l'obiettivo è l'abolizione della certificazione verde. Si teme che lo sciopero possa estendersi anche agli altri porti italiani – uno su tutti quello di Genova – snodi centrali per il transito delle merci. Ma c'è un altro fronte aperto, altrettanto pericoloso: "Se gli autotrasportatori esteri potranno venire in Italia senza il green pass e questo verrà invece imposto alle imprese italiane – ha annunciato il presidente di Conftrasporto-Confcommercio Paolo Uggè – stiamo valutando di invitare le imprese a fermare i camion".

Un autotrasportatore su tre non ha il green pass

Ci sono alcuni settori più a rischio blocco e altri meno, per capire qualcosa in più bisogna dare un'occhiata alla percentuale di vaccinati. Ad esempio al porto di Trieste, secondo alcuni dati, si sarebbe vaccinato poco più del 60% dei lavoratori. Secondo quanto riporta Repubblica, tra gli altri settori in bilico c'è proprio quello dei trasporti: un camionista su tre non avrebbe il green pass, secondo le stime; situazione analoga nei campi, dove un lavoratore su quattro è senza certificazione verde. Tra le forze dell'ordine il record di no vax è tra i reparti mobili, che si occupano di far rispettare l'ordine pubblico: qui la percentuale sale fino al 30%, in generale è intorno al 20%. Senza green pass anche un terzo dei lavoratori domestici, un decimo di chi lavora nel trasporto pubblico e nei bar e ristoranti. Nei negozi e supermercati il personale è quasi tutto immunizzato. Secondo il ministro Speranza, l'introduzione del green pass obbligatorio sul lavoro ha portato ad un punto di svolta: "Siamo ad uno snodo, soprattutto grazie alla campagna di vaccinazione – ha assicurato – In queste ore ci sono tante prime dosi in corso".

1.152 CONDIVISIONI
Puzzer si candida con Italexit di Paragone:
Puzzer si candida con Italexit di Paragone: "Contro vaccino, Green Pass e invio armi in Ucraina"
Tornado in Italia, il CNR lancia l'allarme: le regioni a rischio
Tornado in Italia, il CNR lancia l'allarme: le regioni a rischio
Perché l'accordo Letta-Calenda spinge Italia Viva ad andare da sola (e Renzi rischia di non essere eletto)
Perché l'accordo Letta-Calenda spinge Italia Viva ad andare da sola (e Renzi rischia di non essere eletto)
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni