video suggerito
video suggerito
Covid 19

Niente distanziamento sugli scuolabus, Regioni chiedono deroga anche per metro e bus

Sugli scuolabus sarà possibile non rispettare la distanza minima di un metro tra gli studenti nel caso in cui la loro permanenza a bordo sia inferiore ai 15 minuti. Una deroga che viene richiesta dalle Regioni anche per tutti i mezzi del trasporto pubblico locale, come bus e metro. Per ora il Comitato tecnico-scientifico dice di no, ma la posizione degli esperti potrebbe ammorbidirsi.
A cura di Stefano Rizzuti
31 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

Lo scontro tra Regioni e Comitato tecnico-scientifico sul distanziamento di un metro sui mezzi del trasporto pubblico locale prosegue. Anche dopo le linee guida degli esperti su ciò che avverrà, invece, negli scuolabus. Uno scenario che potrebbe essere ripreso anche su bus e metro, ammorbidendo così la posizione del Cts e avvicinandosi alle richieste delle Regioni. Ad ora il Cts ha confermato di non voler cambiare le linee guida del trasporto pubblico, lasciando la distanza minima di un metro e riducendo, così, la capienza dei mezzi. Come racconta la Repubblica, però, sono ora allo studio anche altre misure, per provare a ridurre l’impatto delle limitazioni su bus, metro e tram. Oggi si terrà una nuova riunione del Comitato, nel tentativo di capire se c’è margine per modificare le indicazioni finora fornite, che in effetti risalgono ormai a qualche mese fa (marzo). Negli ultimi mesi sono stati condotti nuovi studi che potrebbero rendere meno drastiche le misure di contenimento sui mezzi: per ora, pur essendo considerati luoghi a rischio affollamento, sembra che non provochino una diffusione eccessiva del virus, ovvero non fanno scoppiare dei veri e propri focolai.

Le richieste delle Regioni su bus e metro

Le Regioni continuano a chiedere di eliminare il distanziamento obbligatorio, sostenendo che altrimenti il trasporto nelle città verrebbe ridotto al 50% o 60% della capienza. Il rischio, dunque, è quello di lasciare a casa metà degli studenti. Altra richiesta, inoltre, è quella di avere maggiori risorse per comprare nuovi mezzi. Finora, però, sono pochi gli enti locali che hanno calcolato quanti mezzi in più servirebbero. Lo ha fatto Bologna, che stima un aumento del 20% tra pullman e bus. Inoltre il Cts già ad aprile aveva chiesto di valutare lo scaglionamento degli orari di ingresso a scuola, per ridurre la pressione sui trasporti. Ma anche questa indicazione non sembra aver avuto un gran riscontro.

Le linee guida per gli scuolabus

Il primo passo verso le richieste delle Regioni il Cts l’ha mosso sugli scuolabus: se gli alunni non staranno a bordo per più di 15 minuti potranno viaggiare anche a una distanza inferiore a un metro, ma sempre indossando la mascherina. Che, comunque, va tenuta sempre all’interno del mezzo. Proprio questo modello potrebbe essere seguito anche per gli altri mezzi di trasporto, replicando il sistema e permettendo così di derogare al distanziamento in caso di permanenza breve sul bus. Per quanto riguarda gli scuolabus, inoltre, si prevede il divieto di salire a bordo per chi ha la febbre oltre i 37,5 gradi e chi è stato a contatto, negli ultimi 14 giorni, con persone risultate positive al Covid.

31 CONDIVISIONI
32818 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views