53.017 CONDIVISIONI
12 Giugno 2019
13:04

Morra convoca Matteo Salvini in Antimafia: “Lo aspettiamo da dicembre, venga con urgenza”

Il presidente della commissione Antimafia, Nicola Morra, ha convocato con urgenza in audizione il ministro dell’Interno, Matteo Salvini, lamentando le mancate risposte da parte del titolare del Viminale agli inviti informali finora ricevuti. Morra chiede al vicepresidente del Consiglio di riferire anche in seguito “ai nuovi arresti in Sicilia”, tra cui quello di Paolo Arata.
A cura di Stefano Rizzuti
53.017 CONDIVISIONI

A mali estremi, estremi rimedi. Il presidente della commissione parlamentare Antimafia, Nicola Morra (esponente del Movimento 5 Stelle), ha deciso di richiedere ufficialmente e con urgenza la convocazione del ministro dell’Interno, Matteo Salvini. Una richiesta che arriva dopo molte sollecitazioni “informali” al titolare del Viminale che però, dal dicembre 2018, ha sempre declinato l’invito su quella che è sua materia di competenza: la lotta alla mafia. Morra ha deciso di rendere pubblica la sua richiesta nei confronti di Salvini solo oggi, spiegando di aver “richiesto con lettera ufficiale in data 7 maggio 2019 la convocazione del ministro dell’Interno Salvini in commissione Antimafia”. Salvini, parlando con i cronisti, ha garantito che andrà certamente "in commissione Antimafia".

Il presidente della commissione Antimafia spiega che la lettera ufficiale è stata inviata a seguito di molte richieste, finora non prese in considerazione dallo stesso Salvini. La “lettera ufficiale – scrive Morra in una nota – è partita solo dopo numerose sollecitazioni informali per fissare una data di audizione già dalla terza settimana d’insediamento della commissione stessa, ovvero a dicembre 2018”. È quindi almeno da sei mesi che il ministro dell’Interno declina l’invito a riferire sulla lotta alla mafia. Tema molto caro a Salvini, che non a caso si sofferma molto spesso sulla questione e rivendica i suoi risultati in termini, soprattutto, di beni confiscati alla criminalità organizzata.

Morra accusa Salvini e il Viminale per la mancata risposta anche a livello informale. “Il rispetto istituzionale – attacca il presidente dell’Antimafia e senatore del M5s – avrebbe richiesto una veloce risposta alle interlocuzioni informali anche per dare precedenza a chi è preposto con le sue linee guida alla lotta alla mafia”. Ma essendo stati vani i tentativi finora messi in campo, si è arrivati così alla lettera ufficiale, che “è solo l’ultimo passaggio che oggi, anche alla luce dei nuovi arresti in Sicilia, mi vede costretto a renderlo pubblico e ribadire l’urgenza dell’audizione del ministro Salvini”. Gli arresti in Sicilia a cui fa riferimento Morra riguardano da vicino la Lega, in quanto tra le persone finite in manette c’è anche Paolo Arata, consulente per l’energia del Carroccio e coinvolto anche nell’indagine che ha portato alle dimissioni del sottosegretario leghista ai Trasporti, Armando Siri.

53.017 CONDIVISIONI
Perché alla Lega e a Matteo Salvini non piace il blocco navale proposto da Giorgia Meloni
Perché alla Lega e a Matteo Salvini non piace il blocco navale proposto da Giorgia Meloni
È partita la sfida fra Meloni e Salvini:
È partita la sfida fra Meloni e Salvini: "Chi prende più voti indica il premier"
Elezioni, Salvini:
Elezioni, Salvini: "Vinciamo noi, prima proposta sarà 'zero clandestini' e nuovi decreti Sicurezza"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni