Una busta con due proiettili è stata recapitata al leader di Italia Viva, Matteo Renzi, al Senato. La notizia viene confermata da fonti parlamentari, secondo cui l’ex presidente del Consiglio, dopo la consegna della busta con i due bossoli, ha ricevuto una telefonata dalla presidente del Senato, Elisabetta Casellati, che ha espresso la sua solidarietà. Esprime solidarietà immediata anche il capogruppo del Pd a Palazzo Madama, Andrea Marcucci: “A nome mio personale e di tutto il gruppo Pd del Senato esprimo grande solidarietà al senatore Renzi, vittima di un gesto folle. L'odio deve essere totalmente bandito dal linguaggio della politica”.

Il capogruppo di Italia Viva al Senato, Davide Faraone, scrive su Twitter: “Il clima d’odio di questi giorni contro Renzi dimostra che siamo all’imbarbarimento della politica e del dibattito pubblico e i bossoli dimostrano che dalle parole d’odio è facile passare ai fatti. Caro Matteo, sempre a testa alta, non ci fanno paura, non ci arrenderemo mai”. Enrico Borghi, del Pd, scrive: “Solidarietà e vicinanza a Matteo Renzi per il vigliacco gesto di minaccia nei suoi confronti. La violenza va condannata in tutte le sue forme, e la minaccia a un leader politico è un attacco alla libertà di tutti”. Anche il deputato dem Filippo Sensi commenta su Twitter: “Con Matteo Renzi, le minacce e la violenza anonima non fermano la democrazia, che è dialogo, confronto, fatica, libertà”.

La viceministra alle Infrastrutture ed esponente di Italia Viva, Teresa Bellanova, esprime la sua solidarietà e Renzi: "Una busta con due bossoli recapitata a Matteo Renzi. Una minaccia spaventosa che mi auguro sia condannata con fermezza da tutti. È il momento di dire basta a questa politica intrisa di violenza e odio. Matteo, siamo al tuo fianco, con forza e orgoglio. Non ci faremo intimidire". Solidarietà anche dal ministro della Difesa, Lorenzo Guerini: "Una busta con due proiettili. Gesto vile, da condannare fermamente. La mia solidarietà a Matteo Renzi".