1.320 CONDIVISIONI
Emergenza immigrazione
6 Novembre 2022
11:17

Migranti, anche la Geo Barents a Catania: “Lo chiede l’Italia, vogliono valutare casi di vulnerabilità”

“Le autorità italiane hanno chiesto alla Geo Barents di entrare in porto a Catania per valutare casi di vulnerabilità a bordo”: lo fanno sapere da Msf. Intanto dall’opposizione non si fermano gli attacchi al governo: “A Catania scelte inaccettabili e disumane”, dice Letta.
A cura di Annalisa Girardi
1.320 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Emergenza immigrazione

Anche la nave umanitaria Geo Barents, con a bordo 572 naufraghi, si sta dirigendo verso il porto di Catania, dove dovrebbe arrivare per le ore 13. "Questa mattina le autorità italiane hanno chiesto alla Geo Barents, nave di ricerca e soccorso di Medici Senza Frontiere, di entrare in porto a Catania per valutare casi di vulnerabilità a bordo", riferisce la stessa Ong. Anche per la Geo Barents, quindi, le autorità italiane sarebbero intenzionate ad attuare lo stesso protocollo messo in atto con la Humanity 1: non assegnare il porto sicuro, ma far attraccare la nave per permettere di sbarcare solo a fragili, donne e minori, mentre gli uomini in salute rimangono bloccati a bordo.

Secondo quanto aveva detto il ministro dell'Interno Matteo Piantedosi, spiegando la sua strategia, dopo queste operazioni le navi umanitarie sarebbero dovute tornare in acque internazionali con a bordo i naufraghi rimasti. Al momento però la Humanity 1 rimane al porto di Catania e sia attivisti che alcuni parlamentari hanno denunciato come riportare in mare i richiedenti asilo sarebbe un respingimento illegale, oltre che un trattamento disumano. "Per ora restiamo qui e aspettiamo. L'umore tra i sopravvissuti è estremamente angosciato e teso. Una persona ha appena avuto un esaurimento nervoso", fanno sapere dalla Ong.

"Il carico residuale e lo sbarco selettivo. Linguaggio inaccettabile per scelte a Catania ancor più inaccettabili, contrarie ai principi di umanità e alle regole internazionali", scrive su Twitter il segretario del Partito democratico, Enrico Letta.

"Da Piantedosi, come alto funzionario dello Stato, ci si aspettava autonomia ed equilibrio. Invece la vicenda di Humanity1 dimostra che specula sulle vite dei migranti come il peggior Salvini faceva dal Papeete. Che vergogna", aggiunge il deputato dem Alessandro Zan, sempre su Twitter.

Il deputato ed ex ministro Giuseppe Provenzano, che si sta recando in queste ore a Catania per essere presente al porto, ha commentato: "Il governo Meloni a Catania viola diritto e umanità, separa i minori dagli altri con un'arbitraria selezione dei naufraghi. Ventiquattro persone sono tenute sotto ‘sequestro' per becera propaganda.Oggi saremo al porto a chiedere rispetto della legge e della dignità umana".

Il deputato di Verdi e Sinistra Aboubakar Soumahoro questa mattina è salito a bordo della Humanity 1 per denunciare quanto sta accadendo: "La presidente Giorgia Meloni ha la responsabilità di ogni vita attualmente sospesa su questa nave presso il porto di Catania. Non potete piegare la vita dei esseri umani alle vostre convenienze di Palazzo!", ha detto.

1.320 CONDIVISIONI
379 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni