113 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Meloni annuncia la sua riforma del fisco: chi ci guadagnerà e come cambieranno le tasse

Meloni prepara una riforma che toccherà “tutti i settori della fiscalità”, con l’obiettivo ambizioso di rivoluzionare il sistema tributario in Italia. Dal taglio del cuneo all’evasione, passando per i concordati con le aziende: cosa prevede la riforma del fisco del governo.
A cura di Tommaso Coluzzi
113 CONDIVISIONI
Immagine

Il 2023, per Giorgia Meloni, deve essere l'anno delle grandi riforme che l'Italia aspetta da tempo. Tra queste c'è anche quella del fisco, che si è interrotta a metà con la caduta del governo Draghi e la fine anticipata della legislatura. "È arrivato il tempo di una riforma fiscale che costruisca un nuovo rapporto tra lo Stato e i contribuenti", ha detto oggi la presidente del Consiglio in una lunga intervista al Sole24Ore. Meloni ha spiegato come sarà il nuovo sistema fiscale – che ha intenzione di rivoluzionare a partire dalla lotta all'evasione che, secondo la leader di Fratelli d'Italia, i governi precedenti hanno provato a contrastare con metodi sbagliati – e dove interverrà con più attenzione l'esecutivo.

"Questo Governo sta lavorando per rivoluzionare il rapporto tra fisco e contribuente e fare in modo che l’evasione si combatta prima ancor che si realizzi, facendo parlare in modo preventivo l’Amministrazione finanziaria con i cittadini – ha spiegato Meloni – Stiamo lavorando alla legge delega, che toccherà tutti i settori della fiscalità. Punteremo di più sugli strumenti in grado di favorire l’adempimento spontaneo". Per capirci, parliamo delle lettere che sono state inviate nei giorni scorsi dall'Agenzia delle Entrate e che già da qualche tempo vengono utilizzate come prima forma di avviso. Poi Meloni ha annunciato:

Per le piccole e medie imprese con l’istituzione di un concordato preventivo biennale. Le agenzie fiscali con tutte le banche dati che hanno a disposizione possono tranquillamente stimare il reddito delle imprese con cui potranno sedersi a tavolino e dire loro: "Tu per due anni paghi quel dovuto e se fatturi di più non mi dai nulla, in cambio non ti sottopongo a controlli". Se il contribuente rifiuta sarà soggetto a verifiche da parte dell’Agenzia delle Entrate.

E ancora:

Per le multinazionali e le grandi imprese, invece, occorre incentivare la ‘cooperative compliance’, ovvero un istituto già esistente che prevede che Agenzia delle Entrate e impresa si confrontino preventivamente. Questa potrà rappresentare anche una opportunità per i professionisti e diventare la vera cinghia di trasmissione tra amministrazione finanziaria e contribuente.

Abbandonate le imprese e il discorso evasione, Meloni ha promesso anche che nella legge delega verranno messi "al centro anche i dipendenti e i pensionati, con misure ad hoc". Quali saranno nello specifico, però, la presidente del Consiglio non lo ha detto.

Meloni è tornata a rivendicare il taglio del cuneo fiscale: "Ricordo che abbiamo già previsto in manovra l’esonero contributivo del 3% per i redditi da lavoro dipendente fino a 25 mila euro e del 2% per i redditi fino a 35 mila – ha sottolineato – Certo, è un primo passo, ma intendiamo proseguire in questa direzione, compatibilmente con le risorse economiche disponibili". I due punti di taglio, tra l'altro, erano già in vigore con il governo Draghi. Meloni li ha rifinanziati e ha aggiunto un punto alla fascia di reddito fino a 25mila euro. L'obiettivo, da lei dichiarato nel discorso di insediamento, è di arrivare a cinque punti.

113 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views