Covid 19
18 Maggio 2022
11:18

Mascherine sull’aereo, dove bisogna indossarle e quando: tutto dipende dal Paese e dalla compagnia

Le mascherine Ffp2 sull’aereo sono obbligatorie in Italia, ma anche se si viaggia all’estero con una compagnia italiana. E non solo. Le linee guida dell’Enac fanno chiarezza.
A cura di Tommaso Coluzzi
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Le regole sulle mascherine cominciano a farsi complicate, soprattutto per quanto riguarda gli aerei. L'Italia, infatti, ha deciso con l'ordinanza del ministro Speranza e l'emendamento del governo all'ultimo decreto Covid di prorogare l'obbligo di indossare i dispositivi di protezione individuale fino al 15 giugno. Non ovunque però, ma solamente in alcuni luoghi e attività considerati particolarmente a rischio contagio. Tra questi ci sono i mezzi di trasporto e, nello specifico, anche gli aerei. Ma allo stesso tempo le nuove linee guida dell'Ecdc dicono che dal 16 maggio in Europa di può volare senza mascherina.

Ma quindi chi dovesse prendere un volo – ad esempio da Roma a Parigi – da qui al 15 giugno, la mascherina la deve mettere sì o no? Non è così semplice, dipende dalla compagnia, dall'aeroporto di partenza e da quello di arrivo. Nel mese che manca al 15 giugno, infatti, a valere saranno le regole italiane, sia in Italia che per le compagnie con licenza italiana. Ricordiamo, tra l'altro, che l'obbligo in vigore sui mezzi di trasporto prevede che venga indossata una mascherina Ffp2, non chirurgica.

Per chiarire ogni dubbio è intervenuto l'Enac – Ente nazionale per l'aviazione civile – e ha spiegato che la Ffp2 è obbligatoria "per i passeggeri e gli equipaggi dei voli operanti su territorio nazionale la cui tratta preveda pertanto origine e destinazione in Italia, indipendentemente dal Paese di rilascio della licenza del vettore aereo". Insomma, se un aereo parte da Milano e atterra a Roma, parte da Torino e atterra a Napoli, parte da Palermo e atterra a Bologna, in ogni caso la mascherina è obbligatoria. A prescindere dalla compagnia con cui si vola, se partenza e destinazione sono località italiane l'obbligo è valido.

Per quanto riguarda invece i viaggi internazionali, invece, vengono applicate le norme in vigore nel Paese che ha rilasciato la licenza al vettore aereo. Perciò su compagnie aeree italiane la mascherina sarà obbligatoria sempre, anche se ci si sta dirigendo all'estero o da lì si sta tornando. Al contrario se si parte da Roma per andare all'estero con una compagnia straniera la mascherina non è obbligatoria. Salvo che non si tratti della Germania, che per ora ha – come l'Italia – ancora in vigore l'obbligo. In sintesi: se si vola da Italia a Italia la mascherina è sempre obbligatoria, pure se la compagnia è straniera; se si vola da Italia a estero o il contrario la mascherina è obbligatoria solo se la compagnia è italiana o di un Paese che ha ancora l'obbligo in vigore.

31388 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni