2.064 CONDIVISIONI
backstair / Lobby Nera: inchiesta sulla destra neofascista
8 Ottobre 2021
20:11

Lobby Nera, Banco Alimentare sospende convezione con struttura che ha ceduto aiuti a Lealtà Azione

Dopo una verifica, Banco Alimentare ha sospeso “la convenzione con la struttura caritativa che ha ceduto gli aiuti ricevuti da Banco Alimentare a Lealtà e Azione”. La decisione arriva dopo la seconda puntata dell’inchiesta Lobby Nera di Fanpage.it, che ha rivelato come alcuni esponenti della Lega abbiano fatto campagna elettorale donando pacchi alimentari ai più bisognosi.
A cura di Tommaso Coluzzi
2.064 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Immagine Lobby Nera: inchiesta sulla destra neofascista

La seconda puntata dell'inchiesta Lobby Nera di Fanpage.it ha rivelato come alcuni esponenti della Lega facessero campagna elettorale a Milano attraverso la donazione di pacchi alimentari ai più bisognosi. Era stato lo stesso Massimiliano Bastoni – consigliere regionale in Lombardia – a spiegare al giornalista sotto copertura che le donazioni arrivavano direttamente dal Banco Alimentare. In giornata era arrivata anche la disposizione di verifiche da parte del ministro del Lavoro, Andrea Orlando, in merito al "possibile utilizzo dei pacchi alimentari finanziati da risorse nazionali ed europee nell’ambito di campagne elettorali dell’estrema destra".

In serata è arrivata la risposta della onlus, che dopo un'attenta verifica ha spiegato: "Banco Alimentare, dopo l'inchiesta di Fanpage andata in onda a Piazza Pulita e dopo le opportune verifiche, ha provveduto immediatamente alla sospensione della convenzione con la struttura caritativa che ha ceduto gli aiuti ricevuti da Banco Alimentare a Lealtà e Azione". E ancora: "Si rimarca, a scanso di equivoci, che non c'è alcun rapporto in essere con Lealtà e Azione. Banco Alimentare è parte lesa e si riserva di prendere ogni ulteriore provvedimento a tutela della propria immagine e del proprio lavoro".

La fondazione ci ha tenuto a precisare che "il comportamento della struttura, una delle 7.600 convenzionate in tutta Italia, non è accettabile ed è assolutamente non conforme al regolamento di convenzionamento con Banco Alimentare, che vieta di utilizzare gli alimenti distribuiti per qualunque fino diverso dall'aiuto gratuito a persone in difficoltà". Confermando quanto menzionato nell'inchiesta riguardo al codice etico pubblico della stessa onlus. In ogni caso "ci auguriamo che un singolo episodio non intacchi 30 anni di lavoro al fianco dei più deboli".

2.064 CONDIVISIONI
Invia la tua segnalazione
al team Backstair
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni