1.641 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 6 minuti fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61396 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 12 minuti fa
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
4 Settembre 2022
14:01

Letta attacca Salvini: “Parole su Russia rischiano di provocare danno pesantissimo all’Italia”

Quelle frasi in libertà in campagna elettorale rischiano di provocare un danno pesantissimo all’Italia”, dice Enrico Letta dal Forum Ambrosetti a Cernobbio, attaccando Matteo Salvini. Che replica: “Andiamo avanti con le punizioni per chi ha aggredito ma proteggendo i nostri lavoratori”
A cura di Annalisa Girardi
1.641 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

Dopo che Fratelli d'Italia ha messo in chiaro la sua posizione rispetto alla Russia e all'Ucraina, anche il leader del Partito democratico è intervenuto sulle parole di Matteo Salvini in merito alle sanzioni al Cremlino. "Quelle frasi in libertà in campagna elettorale che rischiano di provocare un danno pesantissimo all'Italia, alla nostra affidabilità e al nostro ruolo in Europa", ha detto Enrico Letta arrivando al Forum Ambrosetti di Cernobbio, sottolineando come sia "irresponsabile questo modo di fare campagna elettorale sulla pelle dell'affidabilità del Paese".

Durante il confronto tra i leader a Forum avviato anche lo stesso leader leghista è tornato su quanto affermato in merito alle sanzione alla Russia. "La posizione internazionale italiana non cambierà, a prescindere dal voto. Noi restiamo con i Paesi liberi, democratici e occidentali". Per poi specificare: "Andiamo avanti con le punizioni per chi ha aggredito ma proteggendo i nostri lavoratori. Vincere le elezioni ereditando un Paese in ginocchio non sarebbe una grande soddisfazione. Non mi arrendo a chi entra coi carri armati in un altro Paese, ma da futura forza di governo mi domando se quello che stiamo facendo serva a danneggiare chi vogliamo danneggiare".

Per Letta è fondamentale rimanere in linea con il resto dell'Europa: "La nostra Europa è quella della foto di Kiev, dove Italia, Germania e Francia sono l'Europa. Noi non discutiamo con l'Europa, siamo l'Europa. Penso che se l'Italia ha un governo che sta nella serie A con Francia, Germania, Spagna, Bruxelles è meglio. Se andrà con la serie B Polonia, Ungheria credo che sarà peggio per il Paese".

Anche Giorgia Meloni, dopo aver fatto capire di non condividere le posizioni di Salvini su Mosca, da Cernobbio ha ribadito: "La guerra in Ucraina è la punta dell'iceberg di un conflitto che ha per obiettivo la revisione degli assetti mondiali. Se l'Ucraina cade e l'Occidente perisce, il grande vincitore non sarà solo la Russia ma anche la Cina, e chi è più debole in Occidente, segnatamente l'Europa, rischia di trovarsi sotto l'influenza cinese. Per questo secondo me bisogna combattere questa battaglia".

1.641 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni