47.976 CONDIVISIONI
Covid 19
29 Aprile 2020
22:11

Lega occupa il Parlamento a oltranza: “Vogliamo risposte da governo, torniamo a essere democrazia”

La Lega rimarrà a oltranza nelle aule di Camera e Senato come segno di protesta nei confronti del governo: “Restiamo a oltranza in Parlamento, che è il nostro luogo di lavoro, finché non ci saranno risposte per tutti i cittadini. È ora che finalmente ciascuno si assuma le proprie responsabilità. È ora che si torni a essere una democrazia compiuta”.
A cura di Stefano Rizzuti
47.976 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

La Lega rimarrà a oltranza in Parlamento. Deputati e senatori del Carroccio chiedono risposte chiare al governo e che si torni a discutere di qualsiasi provvedimento in Aula. I parlamentari leghisti spiegano la loro iniziativa attraverso una nota: “Restiamo a oltranza in Parlamento, che è il nostro luogo di lavoro, finché non ci saranno risposte per tutti i cittadini. Madri, padri, imprenditori, commercianti, lavoratori non sanno cosa fare, non hanno certezze, non sanno se possono riaprire i loro negozi, non sanno quando i figli torneranno a scuola. Non rallenteremo né impediremo il regolare svolgimento dei lavori programmati: porteremo nelle aule, dove resteremo anche quando la seduta è conclusa, le voci dei lavoratori, di chi soffre, dei disabili, di chi è più fragile”.

I parlamentari leghisti rimarranno in Aula anche dopo la fine delle sedute, secondo quanto annunciato, e “finché il governo non darà risposte chiare, tempi certi sul ripristino di tutte le libertà, nella piena tutela della salute e con indicazioni a livello nazionale. Servono certezze sulle regole sanitarie per poter ripartire in sicurezza, tempi certi per la cassa integrazione di chi non sta lavorando e soldi veri per autonomi e imprenditori. Siamo e rimarremo in aula anche per ribadire l’importanza della certezza della pena e l’indignazione degli italiani per la scarcerazione di decine di mafiosi ergastolani assassini. È ora che finalmente ciascuno si assuma le proprie responsabilità, che sia coinvolto di nuovo il Parlamento nelle decisioni che riguardano la vita, i diritti e le libertà di ognuno di noi. È ora che si torni a essere una democrazia compiuta”.

Salvini: rimarremo in Parlamento in attesa risposte concrete

Il segretario della Lega, Matteo Salvini, scrive su Facebook: “Tanti di voi ci hanno chiesto di rimanere in Parlamento fino a che dal governo non arriveranno risposte concrete agli italiani su: mascherine e protezione sanitaria per tutti, cassa integrazione non ancora arrivata ai lavoratori, soldi veri a commercianti e imprenditori, certezze per le famiglie coi figli a casa e le scuole chiuse, sospensione vera dei mutui, sostegno per affitti e bollette, mafiosi da riportare in carcere. Gli italiani si sono dimostrati anche in emergenza un grande Popolo, adesso meritano fiducia e protezione. Noi ci siamo, stanotte fateci compagnia a distanza”.

Fdi e Fi tenuti all'oscuro dell'iniziativa

I parlamentari leghisti, attraverso i capigruppo Massimiliano Romeo e Riccardo Molinari, invitano le “opposizioni di centrodestra” a sostenere la loro iniziativa di restare in Aula. Ma Fratelli d’Italia fa sapere di non essere stata informata dell’iniziativa, che quindi non è stata condivisa. Così come non è stata informata dell’iniziativa Forza Italia, che sembra non condividere il sistema adottato dal Carroccio. Il capogruppo del Pd al Senato, Andrea Marcucci, replica a Salvini: “Con Salvini si passa sempre dalla tragedia alla farsa. Il leader della Lega, uno dei meno presenti in aula, mette in scena una finta occupazione del Senato, a lavori praticamente conclusi. Vuole per caso bloccare un decreto con 55 miliardi di stanziamenti agli italiani?”.

47.976 CONDIVISIONI
31367 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni