Dopo che gli Stati Uniti hanno deciso di sospendere temporaneamente la somministrazione del vaccino anti-Covid di Johnson&Johnson in seguito a sei casi di trombosi sospette e il rinvio della distribuzione delle dosi in Europa, la ministra per gli Affari regionali, Mariastella Gelimi, commenta, intervistata da Tgcom24: "Un film già visto, anche AstraZeneca ha avuto questo percorso, ma i vaccini sono sicuri". E rassicura che il piano vaccinale nel nostro Paese non ne risentirà. "La sospensione del vaccino Johnson & Johnson ha un effetto limititatissimo sul nostro Paese rispetto all’attuazione del piano vaccinale, perché dal 15 al 22 di aprile sono previste le consegne di 4,2 milioni di dosi di vaccini e di questi sono solo 180 mila quelli di Johnson & Johnson. Il nostro piano vaccinale va avanti".

La ministra sottolinea anche che "il numero di casi sospetti è inferiore a quello di AstraZeneca", ribadendo che "è più pericoloso non fare il vaccino". Ad ogni modo bisognerà aspettare il parere dell'Ema e dell'Aifa e poi, come ha comunicato il ministro Roberto Speranza, si valuterà "la strada migliore". Il titolare della Salute comunque ha aggiunto: "Penso che anche questo vaccino dovrà essere usato". E, nell'abbracciare la stessa linea, la ministra Gelmini ha poi annunciato un'accelerata nella campagna vaccinale nei prossimi giorni: "Ora facciamo una media di 300 mila vaccinazioni al giorno, raggiungeremo le 500 mila a fine aprile-inizio maggio. Dopo gli over 60 e dopo le categorie prioritarie si procederà per fasce d'età".

Non solo vaccini, Gelmini ha anche parlato dell'allentamento delle misure restrittive e di riaperture. "Maggio sarà il mese delle riaperture di tutte le attività economiche. Tutti i ministeri sono al lavoro per preparare i protocolli per riaprire anche gli eventi, le fiere, il turismo". La ministra ha anche spiegato che, nonostante l'aiuto economico più efficace sia sicuramente la riaperture, il governo sta prestando "grande attenzione ai ristori" e già questa settimana "varerà un poderoso scostamento di bilancio per andare incontro alle attività economiche".