Il sito ‘Digiuno per Salvini' era stato lanciato dal Carroccio poco prima del verdetto della Giunta per le immunità del Senato. Mentre era in corso la riunione che, grazie a un pareggio tra i voti della Lega e quelli degli altri partiti all'opposizione, FI e FdI, ha stabilito l'ok al processo per l'ex ministro dell'Interno Matteo Salvini per la vicenda della nave Gregoretti, bocciando sostanzialmente la relazione del presidente Maurizio Gasparri, il sito è stato messo online. "Sto con lui e per un giorno #digiunopersalvini" è una raccolta firme a sostegno del Capitano, in vista dell'eventuale processo, dal quale Salvini ha detto di non volersi sottrarre.

La decisione definitiva sull'autorizzazione a procedere nei confronti del segretario della Lega, accusato di sequestro di persona, spetterà comunque all'Aula, che voterà la relazione della Giunta il prossimo 17 febbraio. E intanto all'iniziativa dei leghisti hanno aderito già quasi ottocento utenti. "Matteo Salvini a processo, rischia la galera per aver difeso la patria", recita la home del sito.

Per poter esprimere il proprio appoggio al Capitano, e sottoscrivere la petizione, si devono compilare alcuni campi: nome, cognome, indirizzo mail, comune e provincia di residenza sono obbligatori. Ma tra gli utenti che hanno espresso il proprio sostegno al leader del Carroccio, dichiarando così di voler partecipare alla protesta che prevede un giorno di digiuno "in segno di solidarietà", si trovano dei profili palesemente falsi. E così il contatore delle firme si aggiorna di continuo, ma nell'elenco possono figurare anche più volte gli stessi ‘nickname'. Segno che non c'è nessun controllo sull'identità degli utenti che aderiscono alla sottoscrizione, e per firmare più volte, illimitatamente, basta solo compilare il form con una mail differente.

C'erano ‘Mai con la bestia fascista', che firma da Rovigo, e profili come ‘Così si rimette in forma', da Agliano Terme, ma anche ‘Quarantanove milioni di rubli', da Sassari, e ‘Non ci avrete mai', che ironicamente come residenza ha scritto ‘Papeete (Lettonia)'. Come mostra lo screenshot qui sotto, nella lista online compaiono i profili fake.

Non è la prima volta che una raccolta firme della Lega si trasforma in una farsa. Era già accaduto con la petizione per chiedere al governo di non approvare la riforma del Mes. Per testare anche questa volta l'attendibilità della sottoscrizione abbiamo fatto un piccolo esperimento. Abbiamo creato un profilo inventato, abbiamo scelto un nome a caso, ‘Marcella Salvetti', e abbiamo compilato i campi richiesti, creando una casella di posta elettronica ad hoc.

Dopo aver cliccato su ‘aderisci', basta confermare la propria sottoscrizione dal proprio indirizzo mail.

L'ultimo passaggio consiste nel completare la sottoscrizione, con un semplice clic.

Come si vede questo procedimento si potrebbe seguire infinite volte, basterebbe creare innumerevoli indirizzi di posta falsi (Non è possibile, come si diceva, firmare più volte con la stessa casella di posta elettronica).

Salvini: "Domani digiuno anch'io"

"Domani digiuno anch'io". Parola del segretario leghista Matteo Salvini, che aderirà così alla protesta lanciata in suo sostegno. "Io ho detto se mi votate blocco gli sbarchi: credo che la questione dimostri che la giustizia in Italia vada riformata", ha aggiunto alla conferenza stampa convocata per la vicenda della nave Gregoretti. "E andiamoci a questo processo. I miei legali me lo hanno sconsigliato. Io faccio di testa mia e non ascolto i miei legali. Giustamente dicono quando entri in un tribunale in Italia non sai quando esci".