1.530 CONDIVISIONI
Coalizione Centrodestra
44%
56 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26%
5 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.6%
5 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.7%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
60375 sezioni su 60399
Ultimo aggiornamento: 20 ore fa
Coalizione Centrodestra
43.8%
121 Seggi
Coalizione Centrosinistra
26.1%
12 Seggi
Movimento Cinque Stelle
15.4%
10 Seggi
Azione - Italia Viva - Calenda
7.8%
Per L'Italia con Paragone
1.9%
Unione Popolare con De Magistris
1.4%
61394 sezioni su 61417
Ultimo aggiornamento: 20 ore fa
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia
15 Agosto 2022
11:22

Giorgia Meloni vuole rinegoziare il Pnrr, ma per il Pd rischiamo di perdere rata da 20 miliardi

Nel programma del Centrodestra c’è la richiesta di rinegoziare il Pnrr. Il Pd: “Siccome questo Piano ha una scadenza, noi perderemmo almeno 20 miliardi di un semestre”. Gelmini attacca: “Gravissimo errore”.
A cura di Annalisa Cangemi
1.530 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni politiche del 25 settembre 2022 in Italia

Nel programma del Centrodestra per le politiche del 25 settembre è scritto chiaramente che l'intenzione di Fratelli d'Italia, Lega e Forza Italia è quella di chiedere di rinegoziare il Pnrr. Nel testo, approvato e firmato dai leader della coalizione, si legge: "Accordo con la Commissione europea, così come previsto dai Regolamenti europei, per la revisione del PNRR in funzione delle mutate condizioni, necessità e priorità". L'idea è quella id puntare maggiormente sulle infrastrutture energetiche, a costo anche di penalizzare la transizione green, scrive la Repubblica. Una proposta che viene criticata duramente dal Pd, secondo cui così si rischia di perdere la prossima rata da 20 miliardi.

"Credo che la polemica sulle modifiche al Pnrr che apporterebbe il centrodestra di Giorgia Meloni serva a nascondere tutti i voti contro il Pnrr che la destra ha espresso a livello europeo. Questo Pnrr è stato votato anche da Forza Italia e Lega che adesso vorrebbero ridiscuterlo, e qui c’è la prima contraddizione. La seconda sta nelle regole. Il regolamento all’articolo 21 dice che se uno straccia il regolamento, lo ritratta e ne deve rifare un altro, ci vogliono tempi e negoziati. E siccome questo Piano ha una scadenza, noi perderemmo almeno 20 miliardi di un semestre. Un conto è la campagna elettorale, un altro è l’interesse nazionale. Se guardiamo all’interesse nazionale, andiamo avanti sulla strada che abbiamo sudato e negoziato per portare a casa le risorse del Pnrr", ha commentato Così Enzo Amendola a Tg1 Mattina.

"Rinegoziare il Pnrr come proposto da Giorgia Meloni è un gravissimo errore. A rischio la credibilità dell’Italia e la nuova rata di finanziamenti da 20 miliardi di euro. Di fronte a tutto questo Lega e Forza Italia tacciono. Una cosa è la propaganda, altro la responsabilità verso il Paese", scrive su Twitter Mariastella Gelmini, ministra per gli Affari regionali e le Autonomie, ex Forza Italia passata con Carlo Calenda.

In un'intervista a Fanpage.it l'ex ministro dem Francesco Boccia ha lanciato un monito: "Ricordo che Lega, Fdi e Fi hanno votato contro l'adozione del Pnrr, perché non lo volevano. Poi Fi e Lega, facendo parte del governo Draghi, hanno dovuto partecipare ad una parte dell'attuazione. Ora sento esponenti Fdi dire che dobbiamo rinegoziare il Pnrr. Forse non hanno capito che in Europa così ci mandano a quel Paese".

1.530 CONDIVISIONI
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni